Aias Onlus di Avellino: la FP Cgil segnala irregolarità lavorative

0
Aias onlus

Aias Onlus di Avellino: le irregolarità riscontrate dall’Ispettorato del lavoro dopo le segnalazioni fatte dalla Fp Cgil di Avellino

È servita una terza richiesta di diffida accertativa da parte della FP Cgil di Avellino all’Ispettorato Nazionale del Lavoro per far smuovere le acque all’Aias Onlus di Avellino dove i lavoratori, nelle ultime ore, si sono visti corrispondere la retribuzione di novembre 2016.

Questo è quanto comunicato stamane da Marco D’Acunto, Segretario generale FP Cgil Avellino.

Fp CgilI lavoratori dell’Aias restano in ogni caso con 4 mensilità arretrate e la 13^ del 2016 non ancora corrisposta all’interno di una situazione preoccupante, passata attraverso un claudicante contratto di solidarietà tra i lavoratori (non sottoscritto dalla FP CGIL) con relativa riduzione delle ore di lavoro per ognuno (qualcuno a zero ore) e che ancora non vede sbocchi, dato atto che la struttura lavora ancora in regime di accreditamento provvisorio con il Servizio Sanitario Regionale.

Me nelle ultime ore l’Ispettorato Nazionale del Lavoro ha confermato, comunicando l’esito delle ispezioni richieste dalla FP CGIL ad aprile e maggio del 2016, le violazioni attuate dall’Aias Onlus in materia di collaborazioni esterne. L’Ispettorato, infatti, ha confermato che l’Aias ha superato la percentuale fissata al 28% per le collaborazioni esterne informando l’Autorità Giudiziaria ed il Ministero del Lavoro per quanto di competenza.Fp Cgil

Torna dunque di attualità la vicenda della riduzione delle ore che la FP CGIL non intese sottoscrivere proprio in quanto sosteneva che, prima di ridurre le ore ai lavoratori dipendenti, bisognava verificare il limite percentuale dei collaboratori esterni. Quell’accordo è stato impugnato dalla FP CGIL ed il giudizio (nel quale sono state chiamate in causa oltre all’Aias anche la Regione Campania ed altre sigle sindacali) è ancora pendente davanti al Tribunale di Avellino.

Confidando nel lavoro della magistratura, adesso chiamata in causa anche dall’Ispettorato Nazionale del Lavoro, la FP CGIL continua ad esprimere un giudizio severo circa le modalità di gestione della struttura, ma anche circa il ruolo che l’Azienda Sanitaria di Avellino sta svolgendo come ente “datore di lavoro” dell’Aias Onlus ed auspica che tanto l’Aias quanto l’Asl vogliano, in tempi strettissimi, avviare un dialogo con le Organizzazioni Sindacali al fine di verificare lo stato delle cose e di comprendere quali soluzioni siano possibili, visto il delicato momento che oggettivamente influisce sulle prestazioni rese ai pazienti quanto sulla serenità dei lavoratori.