Breaking News
Home » Attualità » “Canalarte” celebra la XX edizione: la presentazione al Circolo della Stampa

“Canalarte” celebra la XX edizione: la presentazione al Circolo della Stampa

Presentata stamattina, al Circolo della Stampa di Avellino, la XX edizione di “C’era una volta Canalarte”, festival dedicato all’arte di strada che si svolgerà a Canale di Serino dal 14 al 16 luglio

Dedicato a chi pensava che sapessimo volare”. È questo il significativo titolo della XX edizione di “C’era una volta Canalarte”. Il Festival internazionale di arte di strada  che, dal 14 al 16 luglio, animerà Canale di Serino con la presenza di oltre trenta artisti ogni sera, dodici stand enogastronomici e cinquanta botteghe artigianali.

Canalarte 2017La conferenza di presentazione si è tenuta stamattina al Circolo della Stampa di Avellino. Presenti Vito Pelosi, sindaco di Serino, Laura Rocco e Franca Filarmonico, rispettivamente presidente e vicepresidente dell’associazione Canalarte nonché responsabili della direzione artistica dell’evento, Marcello Rocco, assessore al Turismo del comune di Serino, e Luigi Vitiello, presidente dell’Unione regionale Cuochi della Campania. A presentare l’incontro il giornalista Carmine Losco.

La conferenza è stata aperta dal sindaco Pelosi, che ha sottolineato l’importanza del traguardo raggiunto dalla manifestazione, vent’anni di impegno e passione da parte di tanti volontari:

«Quando Canalarte è nata rappresentava una grande scommessa, oggi è una realtà a carattere nazionale. Da un anno a questa parte abbiamo iniziato un lavoro di valorizzazione del territorio. L’Irpinia è una terra unica, ricca di bellezze artistiche e paesaggistiche che sono state per troppo tempo abbandonate a se stesse. Canalarte è un esempio di come, attraverso le giuste sinergie, si possano creare un ritorno e una prospettiva comune».

Ha, poi, preso la parola Laura Rocco, che ha vissuto questo progetto fin dagli esordi:

Canalarte 2017«Io e Franca (Filarmonico, ndr) abbiamo iniziato vent’anni fa quest’avventura con grande entusiasmo, lo stesso che manteniamo tutt’oggi. Insieme si va lontano. Dietro questo progetto c’è una squadra vincente, unita da un forte senso di appartenenza. Il successo di Canalarte è costituito anche dalla bellezza del borgo che lo ospita, che ha mantenuto intatte nel tempo storia, tradizioni e identità. Questo è l’anno dei ringraziamenti. Grazie a tutti coloro che hanno creduto in noi e ci hanno sostenuto.

In questa edizione vi saranno trenta spettacoli, tra fissi e itineranti. Tengo a citarne alcuni quali la III edizione di Canalewood, a cura di Umberto Rinaldi, il concorso di pittura estemporanea, il laboratorio di arte di strada per i 400 anni del Convento di San Francesco nonché il progetto scenografico di Antonio Filarmonico».

Ha espresso molta soddisfazione per questa XX edizione anche Marcello Rocco, che ha colto l’occasione per porre l’attenzione su un’altra ricchezza di Serino, quella idrica, messa in discussione nei giorni scorsi:

 Canalarte 2017«Oggi, come atto simbolico, abbiamo voluto portare uno dei tratti distintivi del nostro paese: l’acqua. Nei giorni scorsi c’è stato un falso allarme, che ha avuto una diffusione sull’intero territorio regionale. In Irpinia abbiamo il bacino idrico più grande d’Italia, il terzo più grande d’Europa e questa realtà va tutelata. Il nostro acquedotto è un patrimonio comune.

Quest’anno Canalarte porterà delle innovazioni anche dal punto di vista naturalistico e turistico. Sabato 15 luglio, ad esempio, i visitatori avranno la possibilità di arrivare a Canale tramite l’antica strada romana chiamata “Antiqua Canale”».

Canalarte 2017Infine, è intervenuto lo chef Luigi Vitiello, che si è soffermato sull’importanza delle specialità gastronomiche all’interno di Canalarte:

 «Ho sempre vissuto questa manifestazione con emozione ed entusiasmo. È incredibile vedere il coinvolgimento attivo di tante persone, dagli anziani ai ragazzini. Per quanto riguarda l’aspetto gastronomico, anch’esso gioca un ruolo fondamentale nella valorizzazione del territorio. Quest’anno organizzeremo dei laboratori e ogni sera ci sarà la possibilità di degustare piatti realizzati con prodotti tipici. È un piacere e un onore contribuire a quest’evento».

 

Scriveteci

commenti scritti.
GUARDA, ASCOLTA .... SCRIVI !!!
Leggi e Commenta le nostre rubriche e rimani aggiornato con un LIKE sulla nostra pagina FB

About Antonella Di Spirito

Sono laureata in "Editoria e Pubblicistica" all'Università degli Studi di Salerno. Ho proseguito il mio percorso formativo presso La Sapienza di Roma, dove ho conseguito la laurea magistrale in "Editoria e Scrittura". Se questi "indizi" non bastassero, aggiungo che scrivere è da sempre una delle mie passioni. Collaboro con la redazione di Zon da giugno 2015.

Check Also

sibilia

Sibilia (M5S): “A Montevergine senza auto blu”

Carlo Sibilia e i 5 stelle irpini saliranno a Montevergine con i cittadini di Monteforte …