Breaking News
Home » Attualità » Conapo: la situazione dei Vigili del fuoco in Campania si fa insostenibile
Conapo

Conapo: la situazione dei Vigili del fuoco in Campania si fa insostenibile

Mancanza di uomini e mezzi: a lanciare il grido di allarme è Antonio Tesone, segretario per la Campania del sindacato Conapo dei Vigili del fuoco

Il Conapo Campania, sindacato autonomo dei Vigili del fuoco, in queste ore denuncia una grave emergenza  all’interno del 115.

ConapoAntonio Tesone, segretario regionale del Conapo, rappresenta, infatti, allo Stato la situazione di grave difficoltà lavorativa che stanno vivendo in questi giorni i Vigili del fuoco non solo regionali ma di tutta Italia:

Siamo in pochi, con automezzi vecchi e inadatti ad affrontare questa mole di lavoro, i pompieri campani in questi giorni sono messi a dura prova tra discariche a cielo aperto che si nascondono tra le sterpaglie, isole ecologiche sprovviste di impianti antincendio, campi rom in cui brucia di tutto, persino frigoriferi in disuso posti lungo il perimetro dei campi in funzione di palizzata e incendi boschivi ovunque. Siamo stremati“.

La situazione lavorativa è degenerata da quando è stato soppresso il Corpo Forestale dello Stato e sono aumentate le competenze dei vigili del fuoco senza un correlato incremento di organico e di risorse. In queste ore in cui molteplici incendi stanno costringendo il personale operativo a dover far fronte anche per intere giornate allo spegnimento dei fuochi, gli sforzi ed il sacrificio umano dei vigili del fuoco sono sotto gli occhi di tutti.

Il personale del 115 è esiguo e lasciato solo a dover far fronte ad un numero di richieste d’aiuto che non può essere evaso tempestivamente, e se a ciò poi si aggiunge il carico di rabbia dei cittadini che gli operatori devono subire quando si recano sul posto per la mancata conoscenza che ha la gente della situazione lavorativa, tutto diventa allora davvero insostenibile.

Mentre il Conapo resta in attesa che la Regione Campania dia il via alla convenzione con i vigili del fuoco e che si potenzino le squadre di pompieri dedicate allo spegnimento degli incendi boschivi a terra, i boschi in Campania bruciano.

Una denucia quella della Conapo rivolta principalmente allo Stato e ai cittadini:

Sappiano – sottolinea sempre Tosone – che nonostante i vigili del fuoco sono ridotti all’osso, tutti i giorni e tutte le notti, 365 giorni all’anno, continueranno la loro importante missione a tutela della popolazione, ma sappiano anche che è necessaria un’urgente inversione di rotta, una maggiore attenzione politica verso le esigenze di efficienza del corpo“.

Forse è il caso davvero che, dopo le tante denunce già fatte dal Conapo per far conoscere quelle che sono le reali condizioni lavorative di uomini che rischiano la vita tutti i giorni per la sicurezza della collettività, ognuno faccia la sua parte a partire dal ministro Minniti attraverso nuove assunzioni (sono 3500 i vigili del fuoco che mancano dagli organici) e la Regione Campania attivi con urgenza la convenzione per il potenziamento dei servizi antincendio boschivo.

Non si può pensare in Italia di affrontare le emergenze sempre sulla pelle di chi è in prima linea, ovvero del personale e dei volontari che operano secondo un’etica professionale che dovrebbe essere premiata e non mortificata in nome di una crisi economica chiamata in causa da uno Stato che rimanda perché è economicamente più conveniente.

Scriveteci

commenti scritti.
GUARDA, ASCOLTA .... SCRIVI !!!
Leggi e Commenta le nostre rubriche e rimani aggiornato con un LIKE sulla nostra pagina FB

About Maria Carmen Fumiento

Maria Carmen Fumiento
Laureata in Scienze della Comunicazione, Esperto in marketing territoriale, con esperienza pluriennale nella pubblica amministrazione con funzioni di addetto stampa, pubbliche relazioni, organizzazione eventi, ecc. A farmi sempre da guida nel mio lavoro la profonda convinzione che: "Una corretta informazione è garanzia di un' equa accessibilità ai servizi per il cittadino".

Check Also

irpinia

Roghi agricoli in Irpinia: cinque denunce

I Carabinieri hanno denunciato altre cinque persone per i roghi agricoli appiccati in diversi paesi …