Breaking News
Home » Attualità » Nella Giornata Mondiale dell’Acqua si parla anche di acque reflue
Nella giornata mondiale dell'acqua si parla anche di acque reflue

Nella Giornata Mondiale dell’Acqua si parla anche di acque reflue

Oggi, come da tradizione ogni 22 marzo, è la Giornata Mondiale dell’Acqua, istituita dall’ONU. Il tema di quest’anno sono le acque reflue

Nella Giornata Mondiale dell’Acqua 2017 si pone l’attenzione sulle acque reflue:A livello globale, la stragrande maggioranza delle acque reflue dalle nostre case, dalle città, dall’industria e dall’agricoltura rifluiscono in natura senza essere trattati o riutilizzati, inquinano l’ambiente, e perdono preziose sostanze nutritive e altri materiali recuperabili. Invece di sprecare le acque reflue, abbiamo bisogno di ridurle e riutilizzarle”.

L’obiettivo di uno sviluppo sostenibile è quello di dimezzare la percentuale di acque reflue non trattate e di aumentare il riciclo dell’acqua e il riutilizzo sicuro. In questa materia il nostro paese ha molto da fare, essendo sottoposto a due infrazioni (2004/2034 e 2009/2034) e alla condanna della Corte di Giustizia UE per la mancata realizzazione e il non adeguamento dei sistemi di collettamento, fognatura e depurazione in varie regioni, tra queste la Campania. In questo contesto anche la nostra provincia, seppur ricca del bene primario, non lo tutela in maniera adeguata.

Nella giornata mondiale dell'acqua si parla anche di acque refluePer la ricorrenza l’Istat ha pubblicato una sintesi delle principali statistiche sulle risorse idriche (https://www.istat.it/it/archivio/198245).  Ne emerge che il 38,2% dell’acqua immessa nelle reti di distribuzione va dispersa e che l’erogazione dell’acqua nelle abitazioni è irregolare, tanto che tre famiglie su dieci non si fidano di bere l’acqua del rubinetto e optando per quella imbottigliata. A ciò si aggiunge la certificazione Istat inerente anche lo stato delle acque di balneazione e la graduale riduzione dei ghiacciai alpini causata dal drastico aumento delle temperature medie estive.

In questa giornata non si può non riflettere sulla natura di un bene comune e di un diritto universale, e sullo spreco della sua vitale risorsa, sostenendo lo sviluppo sostenibile dell’ONU al 2030: “Garantire la disponibilità e la gestione sostenibile di acqua e servizi igienici per tutti”.

“Ogni anno milioni di persone, la maggior parte dei quali bambini, muoiono per malattie associate alla scarsità di acqua e dei servizi igienici. La scarsità d’acqua, la scarsa qualità dell’acqua e l’esistenza di servizi igienico-sanitari inadeguati hanno un impatto negativo sulla sicurezza alimentare, le scelte di sostentamento e le opportunità educative per le famiglie povere di tutto il mondo. La siccità affligge alcuni dei paesi più poveri del mondo, aggravando la fame e la malnutrizione. Entro il 2050, almeno una persona su quattro rischia di vivere in un paese colpito da carenze croniche o ricorrenti di acqua dolce”.

In questa giornata nel nostro paese si celebra la vittoria della volontà popolare, che nel referendum del 2011 ha sancito che l’acqua è un bene comune fondamentale, la cui gestione deve essere sottratta alle logiche di mercato. Quindi tutte le prese di posizione della CGIL Irpina e FILCTEM, sul futuro dell’Alto Calore e della gestione Alto Calore Irpino nell’EIC si pongono l’onere di essere in linea con le criticità generali, pur considerando l’analisi di Federconsumatori dell’ottobre 2016, secondo cui gli aumenti nelle bollette dell’acqua nel periodo 2000/2016 sono stati del 100% in Italia.

Scriveteci

commenti scritti.
GUARDA, ASCOLTA .... SCRIVI !!!
Leggi e Commenta le nostre rubriche e rimani aggiornato con un LIKE sulla nostra pagina FB

About Rossella Della Vecchia

Rossella Della Vecchia
Classe 1986, specializzata con lode in Storia dell'Arte Contemporanea [cattedra di Carla Subrizi, La Sapienza] con la tesi “Trouble Every Day: Tous Cannibales, la voracità da tabù ad arte, dall’arte alla società”. Da sempre interessata all’arte come alla scrittura, e alla comunicazione in genere, scrivo di cultura, politica e attualità. Storica dell’Arte, esperta SEO e freelancer per vocazione, attualmente collaboro anche con Artribune e Tiragraffi Magazine. Da marzo 2013 curo un personale blog sull’arte: ArtFriche Zone. “Soltanto quando il senso di associazione nella società non è più abbastanza forte da dare vita a concrete realtà, la stampa è in grado di creare quell’astrazione, il pubblico” (Dwight MacDonald).

Check Also

Tommariello

Montefusco: fervono i preparativi per il Tommariello d’oro 2017

Il comune di Montefusco è in attesa del Tommariello d’oro, che ogni anno porta notorietà …