Breaking News
Home » Attualità » È morto monsignor Luigi Barbarito, alto ecclesiastico della Chiesa Irpina
luigi barbarito

È morto monsignor Luigi Barbarito, alto ecclesiastico della Chiesa Irpina

L’Irpinia piange mons. Luigi Barbarito, originario di Atripalda, Nunzio Apostolico impegnato nel servizio diplomatico della Santa Sede dal 1969. E’ stato uno dei più stretti collaboratori di Papa Paolo VI. Domani i funerali ad Atripalda

Nelle prime ore della giornata di ieri domenica 12 marzo l’Arcivescovo mons. Luigi Barbarito si è spento a Pietradefusi dove da alcuni anni dimorava assistito dalle attente Suore Francescane Immacolatine nel loro locale convento.

Ci lascia un grande della Chiesa irpina. Mons. Barbarito infatti è originario di Atripalda dove nasce il 19 aprile 1922. E’ ordinato sacerdote il 20 agosto 1944 e, dopo aver esercitato per qualche anno il suo Ministero sacerdotale presso la chiesa di San Francesco d’Assisi a Borgo Ferrovia ad Avellino, viene ammesso alle Pontificia Accademia Ecclesiastica di Roma che forma coloro che dovranno operare nella Diplomazia della Santa Sede.

Barbarito così l’11 giugno 1969 è nominato Nunzio apostolico di Haiti, Delegato apostolico delle Antille ed Arcivescovo titolare di Fiorentino da Papa Paolo VI al quale fu sempre legato da rapporti di vera e schietta amicizia essendo uno dei suoi più leali confidenti.

luigi barbarito
Mons. Barbarito è accolto in Gran Bretagna dopo la sua nomina a Pro-Nunzio Apostolico

Un cursus honorum brillantissimo il suo che lo conduce a ricoprire le cariche di Delegato Apostolico in Mali, Mauritania e Guinea-Bissau, nonché quella di Pro-Nunzio per l’Australia. Il 21 gennaio 1986 Papa Giovanni Paolo II lo destina alla Pro-Nunziatura della Gran Bretagna elevandolo poi a Nunzio nel 1993.

Don Luigino”, come familiarmente lo chiamavano i più anziani di Atripalda, ha servito la Santa Sede per circa trent’anni, facendosi apprezzare ovunque per il suo equilibrio e la sua capacità di mediazione, doti che gli valsero la stima della Regina Elisabetta che lo insignì del titolo di “Sir” conferendogli il Cavalierato di Gran Croce Onorario dell’Ordine Reale Vittoriano. Si è speso con saggezza e lungimiranza per l’Ecumenismo promovendo un intenso e fruttuoso dialogo tra la Chiesa Cattolica e quella Anglicana.

Raffinato teologo e fecondo scrittore, ha dato alle stampe numerose opere in cui affronta delicate questioni morali, sociali e religiose avendo sempre come sfondo i suoi viaggi e le sue missioni diplomatiche.

Il feretro lascerà Pietradefusi nella mattinata odierna alla volta di Atripalda. Il rito funebre sarà celebrato domani martedì 14 marzo alle ore 10.30 nella chiesa di Sant’Ippolisto alla presenza del Delegato Pontificio mons. Angelo Becciu. A suggello del forte legame che ha sempre unito il defunto alla sua terra d’origine, la tumulazione avverrà, per suo espresso desiderio, proprio in una della cappelle laterali della stessa chiesa di Sant’Ippolisto.

Scriveteci

commenti scritti.
GUARDA, ASCOLTA .... SCRIVI !!!
Leggi e Commenta le nostre rubriche e rimani aggiornato con un LIKE sulla nostra pagina FB

About Armando Santoro

Armando Santoro
Ho 27 anni e sono laureato in Giurisprudenza. Attualmente laureando in "Economia e Governance" all'Università degli Studi del Sannio. Sono molto attivo nel volontariato: collaboro con associazioni impegnate in attività aventi valenza storica, culturale e sociale. Appassionato ricercatore di documenti, curiosità e aneddoti legati alla storia locale. Nel tempo libero coltivo gli hobbies della numismatica e della filatelia.

Check Also

irpinia

Roghi agricoli in Irpinia: cinque denunce

I Carabinieri hanno denunciato altre cinque persone per i roghi agricoli appiccati in diversi paesi …