Avellino 3-2 Salernitana, è un derby da Lupi!

0
Avellino, Salernitana, pagelle, derby

Il derby della Vigilia regala ai lupi un Natale un po’ più dolce. I lupi si impongono sui granata grazie alle magie di Verde, Jidayi e Ardemagni

Il derby della Vigilia di Natale è a tinte biancoverdi: il migliore Avellino di stagione fa passare un Natale un po’ più amaro ai cugini di Salerno, grazie ad una squadra che dialoga armoniosamente nel primo tempo e punisce due volte da calcio piazzato: Jidayi e Ardemagni trasformano i regali di Verde in decibel, in una vittoria importantissima per la squadra di Novellino e per il morale dei tifosi.

Nella ripresa i lupi rischiano di subire il pareggio, con Busellato che accorcia le distanze, ma Verde nel finale archivia la pratica con la rete del 3-1. Inutile il rigore trasformato da Donnarumma per il 3-2 al 93′.

FRATTALI: 6,5

L’intervento più bello è quello di piede, nel primo tempo, quando il gioco era già fermo. Quando crede che le vacanze siano già arrivate, ecco che i granata provano a reagire, ma il buon Frattali distrugge il Natale di Zito negandogli la gioia del gol del 2-2. Grinch.

GONZALEZ: 6

Resiste fin quando può, per problemi muscolari si allontana dal campo anzitempo e va a ripassare la poesia di Natale.

(38′ Donkor: 5,5

Il corpo è al Partenio, ma la testa è già proiettata al cenone di stasera. Tutto sommato regge, con più strappi che cuciture.)

DJIMSITI: 6,5

Lo svizzero dirige i lavori in vista della grande festa dei tifosi irpini, sbaglia poco e invidia a Jidayi solo la gioia del gol.

JIDAYI: 7

Il difensore ravennate è più puntuale della domanda imbarazzante sulla fidanzatina nei cenoni di Vigilia quando in tuffo di testa sfrutta l’ottimo assist di Verde. Bene anche la copertura difensiva.

PERROTTA: 6,5

Entra al 3′ per l’infortunio di Asmah e decide di non far più giocare gli attaccanti della Salernitana. Si addormenta un paio di volte solo sul finale, per queste disattenzioni il buon Marco sacrificherà due capitoni nella notte.

(Asmah s.v.)

OMEONGA: 6

Macchia un’ottima prestazione, fatta di attenzione difensiva e buoni inserimenti, con un passo di Flamenco a gambe incrociate su Busellato: concede un rigore a tempo quasi scaduto, ma la partita era già chiusa.

D’ANGELO: 6

Con l’uscita dei due laterali titolari dopo neanche un tempo di gioco, il capitano mette in campo quelle che sono le qualità principali del Natale: tackle, spallate e cattiveria. Buon Natale dal capitano.

BELLONI: 5

Spreca un paio di contropiedi nel primo tempo per non infierire troppo sui cugini di Salerno il giorno della Vigilia, poi però pecca di generosità quando ingenuamente decide di farsi espellere per somma di ammonizioni.

Verde, Bari
Verde, è un magico Natale

VERDE: 8

Daniele indossa il cappello da chef e prepara il pranzo della Vigilia: il primo è una leccornia per Jidayi, il secondo è un dolce per Ardemagni. Sul finale salva sulla linea una palla diretta in porta e pochi minuti dopo, come se non bastasse, salva anche il Natale dei lupi firmando il 3-1 quando scocca il 90′.
È un Verde Natale.

CASTALDO: 6,5

È l’uomo in grado da passare da un delicato caviale all’impepata di cozze in dieci minuti, alternando grandi giocate a momenti di buio, ma disputando un derby da combattente.

ARDEMAGNI: 7

In un minuto chiude la partita: fa espellere Mantovani per doppia ammonizione e sulla stessa punizione Verde gli offre il pallone per firmare il 2-0 e infiocchettare il regalo più bello per i tifosi irpini.

(70′ Camarà: 6.5)