Avellino: il bivio si chiama Trapani

0
Avellino

È l’ora di prendere una direzione. Per l’Avellino la trasferta di Trapani è cruciale: con una vittoria Tesser resta, con una sconfitta va a casa

La sedicesima giornata del campionato cadetto per l’Avellino prevede una trasferta non facile in Sicilia, al Provinciale di Trapani.

Per mister Tesser, in caso di sconfitta, sarà l’ultima partita sulla panchina dei lupi. In conferenza stampa il mister si è detto tranquillo ed ha parlato di una squadra che dovrà giocare in modo sereno per arginare il pericolo Trapani. Ci sarà il ritorno di Gigi Castaldo dal 1′ minuto. Il bomber di Giugliano torna dopo una lunga squalifica e farà reparto con Trotta. I problemi maggiori, come sempre, sono in difesa dove almeno Rea sembra aver recuperato.

AvellinoSponda granata mister Cosmi ha detto di non fidarsi delle troppe assenze in casa bianco-verde, si è detto rispettoso degli irpini ed ha evidenziato gli obiettivi dei lupi ad inizio stagione, aspettandosi una gara volta all’attacco per gli uomini di Tesser.

Tornando in casa Avellino hanno fatto discutere le parole del capitano D’Angelo e del presidente Taccone che hanno incolpato i nuovi arrivati di non sentire il peso della maglia. Oggi alle 15.00 si vedrà se queste dichiarazioni sono servite a spronare la squadra o se hanno contribuito a creare delle fazioni all’interno dello spogliatoio. Lo scorso anno terminò 4-1 in favore dei granata.

L’Avellino arriva a Trapani dopo la sconfitta interna subita con il Perugia con un solo punto di vantaggio sulla zona retrocessione. I siciliani invece dopo il pareggio di Ascoli sono in piena corsa play-off e nonostante qualche assenza, oggi vorranno vincere per diminuire il gap dall’ottava posizione. Arbitrerà il match il sig. Pinzani, sono 9 i precedenti tra lui e i lupi: 4 vittorie, 1 pareggio e 4 sconfitte. Previsti sugli spalti circa 200 tifosi irpini.