Avellino – Latina, le probabili formazioni

0
crotone, perugia, novara, attesa, salernitana, statistiche, avellino, finale, latina

Stasera alle 20.30 contro il Latina, l’Avellino deciderà il suo futuro nell’ultima gara di campionato. Pochi i dubbi per Novellino, con il problema difesa

CASA LUPI
Avellino (4-4-2): Radunovic; Lasik, Jidayi, Migliorini, Perrotta; Laverone, Moretti, Paghera, D’Angelo; Ardemagni, Castaldo. All. Novellino

Nella gara decisiva per il campionato e per la sorte futura dei lupi, in un match in cui bastano i 3 punti per posare radiolina e calcolatrice, la vittoria è l’unico obiettivo e mister Novellino non può far altro che schierare l’11 migliore.

Ad impedirglielo, però, ci sono infortuni (Gonzalez, oltre Belloni e Gavazzi ) e squalifiche (Djimsiti, Bidaoui) che costringono il mister a ricostruire il reparto arretrato.

laverone, latina
Torna Laverone sulla fascia destra

Torna Jidayi al centro della difesa al fianco di Migliorini, per difendere la porta di Radunovic, con Lasik sulla destra e Perrotta al lato opposto, pronti ad impedire incursioni laterali.

L’azione nascerà dai piedi di Paghera e Moretti, posizionati davanti la difesa, che troveranno supporto sugli esterni grazie al rientro di Laverone sulla fascia destra e il solito jolly capitan D’Angelo sulla sinistra.

In avanti Castaldo è favorito su Verde per una maglia da titolare al fianco di Ardemagni.

CASA LATINA
Latina (3-4-3): 
Grandi; Celli, Bruscagin, Garcia Tena; Nica, De Vitis, Bandinelli, Maciucca; Pinato, Di Nardo, De Giorgio. All. Vivarini

La squadra di Vivarini non ha più nulla da chiedere al campionato cadetto, ma vuole salutare la stagione nel migliore dei modi, così come hanno dimostrato le ultime 5 partite, che hanno visto la compagine laziale piegarsi solo alla Spal, per poi conquistare 3 pareggi e una vittoria.

Il Latina, però, arriva ad Avellino in  piena emergenza dietro, con 3 difensori centrali out (Dellafiore, Brosco, Coppolaro) e con la necessità di inserire Celli nella difesa a 3 che dovrà reggere l’urto del grido del Partenio.

A centrocampo i tifosi biancoverdi rivedranno Nica, mentre in panchina sarà presente Roberto Insigne, che potrebbe insidiare il posto di Pinato, nel tridente con Di Nardo-De Giorgio.