Coach Sacripanti: “Loro più cinici e bravi di noi”

0
sacripanti coach

Il Coach analizza i motivi della sconfitta e carica i suoi per Gara5: “C’è da tirarsi sù la maniche, mettersi il coltello tra i denti andare e provare a vincere a Venezia”

Coach Sacripanti si presenta in conferenza stampa deluso per la sconfitta ma risoluto nel voler subito rialzare la testa a Venezia in Gara5. I suoi uomini non sono riusciti a portarsi sul 3-1 ma hanno permesso ai lagunari di impattare la serie. La Scandone è apparsa meno brillante delle ultime uscite, non ha messo in campo la stessa energia che si è vista in Gara3 ed ha permesso a Venezia di recuperare molti palloni.

Il coach analizza così la sconfitta:

“C’è la delusione di aver perso in casa, pazienza, poteva essere un 3-1 ma siamo 2-2. Proviamo a ribaltare di nuovo il fattore campo. Dobbiamo essere bravi di testa, mentalmente forti, non possiamo pensare che una squadra così forte e così lunga non possa tirar fuori una partita del genere. La partita l’abbiamo fatta noi ma loro sono stati più cinici,  più bravi e ci hanno puniti. Noi abbiamo preso un parziale di 10-0 che ci ha tagliato le gambe. Abbiamo provato a ribaltarla, ci siamo riusciti solo nel terzo quarto impattando la partita ma loro hanno sempre trovato un canestro importante. Poi quando si va punto a punto è chiaro che viene fuori il talento individuale.”

Coach Sacripanti incita i suoi a far meglio in vista di Gara5:

“Adesso ripartiamo: non c’è tempo per pensare ed essere delusi c’è da tirarsi sù la maniche, mettersi il coltello tra i denti andare e provare a vincere a Venezia e poi tornare in casa davanti al nostro pubblico. Dobbiamo essere prontissimi. Siamo 2 pari. Si gioca al meglio delle 3 adesso e quindi bisogna essere veri, forti, duri e consapevoli delle nostre forze e fare una partita di grande energia.”

Sabato alle 18.30 si gioca Gara5 al PalaTaliercio di Venezia per provare a ribaltare il fattore campo e tornare al DelMauro per giocarsi il passaggio del turno.