Ermal Meta a Mirabella Eclano: un concerto tutto da vivere

0
ermal meta

Classificatosi al terzo posto nell’ultimo Festival di Sanremo, ieri sera Ermal Meta è salito sul palco di Mirabella Eclano regalando ai presenti due ore di emozioni

Nella serata di ieri, Piazza XXIV Maggio di Mirabella Eclano si è prestata da cornice al Vietato Morire Tour del cantautore Ermal Meta. 

Reduce del successo dell’ultimo Sanremo dove si è classificato al terzo posto con la sua Vietato Morire conquistando inoltre il Premio della Critica “Mia Martini , negli ultimi mesi l’artista si è fatto sempre più apprezzare sulla scena musicale italiana per le sue doti cantautorali. Un timbro di voce unico, un’estensione da brivido, dei testi profondi e pieni di storie accompagnati dalla sua chitarra e dal suo pianoforte, un passato fatto di tanta “gavetta” da autore e cantante di gruppiErmal Meta ha tutte le carte in regola per vendere i milioni di album che ha venduto e fare il “tutto esaurito” nella tournée che lo sta portando in giro per l’Italia.mirabella eclano

Cantavamo nei peggiori bar di Caracas – ha scherzato l’artista presentando il brano “Come il sole a mezzanotte” realizzato con il gruppo La Fame di Camilla.

Ermal ha scritto brani per Emma Marrone, Marco Mengoni, Francesco Renga, Chiara, Patty Pravo, Francesca Michielin, Giusy Ferreri e tanti altri. Ieri sera quindi è stata l’occasione per ascoltare anche brani come Occhi profondi, Straordinario, Natale senza regali, Era una vita che ti stavo aspettando in un medley misto ad una splendida Hallelujah, e ancora No woman no cry, Amara Terra Mia, quest’ultima gli ha conferito il premio di miglior cover a Sanremo.

Ermal Meta su un palco ci sa stare molto bene e colpisce il modo in cui interagisce con il suo pubblico richiamandolo all’attenzione sulla musica. Più volte nel corso della serata, infatti, ha invitato il pubblico a mettere giù i cellulari e dedicarsi solo al momento che stavano vivendo. Negli ultimi anni con l’avanzare della tecnologia il 99% delle persone  che assistono ad un concerto hanno i mezzi per filmare e immortalare l’artista sul palco, il che va bene e rappresenta un ricordo che dura nel tempo, ma è bene ricordarsi di non esagerare. I concerti sono una medicina per l’anima: la musica, l’atmosfera, le luci, i cori, la musica e ancora la musica vanno vissute a 360° gradi quando si ha la fortuna di poterli percepire con tutti i sensi.