Fiumi inquinati: arrivano otto centraline per monitoraggio delle acque

0
fiumi

Nei prossimi due mesi in otto comuni della Provincia di Avellino verranno installate centraline tecnologiche che serviranno per monitorare lo stato di salute dei fiumi irpini e ad impedire disastri ambientali

Hanno preso avvio i lavori per realizzare una centralina appartenente a quello che dovrà essere un articolato sistema di controllo e di monitoraggio dei fiumi ricadenti nel territorio della Provincia di Avellino (Calore, Sabato, Ufita e torrente Solofrana).

Questa prima postazione sorgerà nel Comune di Manocalzati, mentre altre sette saranno installate nei prossimi due mesi nei Comuni di Lapio, Montella, Melito Irpino, Montecalvo Irpino, Solofra (Consorzio Asi), Atripalda e Prata Principato Ultra.

Tali interventi, fortemente voluti dal Presidente della Provincia Domenico Gambacorta, richiederanno un investimento pari a 690mila euro,fiumi spesa che sarà completamente finanziata con le risorse relative al bilancio 2015 dell’Ente destinate proprio alla tutela dei corsi d’acqua.

I Lavori

I lavori verranno realizzati dalla ditta aggiudicatrice dell’appalto ossia la CAE Spa di San Lazzaro di Savena (Bologna).

L’installazione delle otto centraline si è resa necessaria a seguito dell’ultimo disastro ambientale che circa un mese fa ha interessato il fiume Sabato (leggi qui): una bomba di veleni, composta per lo più da nitrati e candeggina, era stata sversata nel corso d’acqua provocando danni permanenti alla flora e fauna ittiche e mettendo in serio pericolo la stessa salute delle persone oltre ad arrecare seri pregiudizi all’habitat circostante.

I punti in cui impiantare le centraline sono stati individuati partendo da due esigenze fondamentali: controllo delle acque in prossimità di scarichi industriali; tutela della ricchezza del territorio e dei suoi prodotti.

Proprio per soddisfare tali necessità il sistema composto da queste otto postazioni effettuerà rilevamenti ed analisi in modo automatico inviando poi periodicamente i dati raccolti ad un server che provvederà ad elaborarli e a lanciare eventuali allarmi oltre che a produrre e divulgare statistiche e report storici.