La relazione del Sindaco Foti sui prossimi obiettivi della riassestata giunta

0
Avellino

Dall’Eliseo al Gesualdo, dal progetto Area Vasta all’intervento sulle periferie. Questo e molto altro nella relazione esposta dal Sindaco Foti sugli obiettivi della riassestata giunta comunale

Dopo due meeting del Consiglio Comunale, il Sindaco Paolo Foti ha presentato la consueta relazione a Palazzo di Città.foti Il discorso del Primo cittadino si è aperto con saluti e incoraggiamenti rivolti ai nuovi assessori entrati in carica: Paola Valentino, per il Patrimonio e la Cultura, e Bruno Gambardella, per le Politiche giovanili e la Pubblica Istruzione. Foti è dunque passato ad elencare gli obiettivi che la giunta comunale si pone a breve e a lungo termine:

  • la chiusura dei cantieri del PIU Europa, che ha afferma essere ormai prossima, a seguito dell’accordo integrativo che sottoscriverà nei  giorni seguenti;
  •  la convenzione per l’Area Vasta e i DOS della Città, e quello relativo ai 34 Comuni con la nuova programmazione per l’utilizzo dei fondi europei, prossimamente presentati in Aula di Consiglio;
  • un massiccio intervento a favore delle periferie, con un progetto di rigenerazione ad esse dedicato-  del valore di 18 milioni di euro- per porre fine ad una situazione di divario eccessivo rispetto alle aree centrali;
  • il completamento e l’apertura del Centro per l’autismo “che-afferma- farà della nostra città un punto di riferimento per gli ammalati e le loro famiglie”;
  • la  restituzione alla Città dell’Eliseo con tutte le sue attività “rivolte prevalentemente, ma non solo, ai giovani”.

La Cultura cinematografica- aggiunge Foti- (grazie anche alla manifestazione del Laceno d’Oro), teatrale (e qui colgo l’occasione per ringraziare il dott. Feola per il lavoro che sta proficuamente svolgendo in qualità di commissario del Carlo Gesualdo e che ci consentirà, nonostante tutte le criticità riscontrate, di garantire anche per quest’anno la stagione teatrale), la cultura meridionalista (in virtù dell’opera del Centro di Ricerca Guido Dorso) ed universitaria legata al Cirpu, dovranno essere i volani di una ripresa di fervore intellettuale.Proprio agli intellettuali avellinesi rivolgo l’appello di non far mancare mai il loro contributo di idee e di proposte.

  • i nuovi indirizzi urbanistici e l’adeguamento del PUC , da discutere in maniera approfondita in Consiglio Comunale;
  • la bonifica e la messa in sicurezza dell’area dell’ex Isochimica, “una vera e propria inquietante bomba ecologica, dimenticata ed ignorata per anni e che ha ricevuto un grosso impulso grazie all’impegno di questa Amministrazione e della Regione Campania. E lo smantellamento dei silos e lo smaltimento dei blocchi di cemento ed amianto rappresentano un importante intervento in tale direzione”.
  • l’acquisizione al patrimonio comunale della Dogana, “per farne uno dei punti di forza del nostro rivalutato Centro Storico, luogo di memoria ma anche di opportunità per tanti Avellinesi”.
  • una grande attenzione sarà rivolta al rilancio delle attività commerciali, “che più di altre necessitano di un sistema città che funzioni e che sia attrattivo. Abbiamo deliberato in giunta il regolamento per dar vita alla consulta per il commercio”;

Questi punti non sono un elenco o l’ennesima lista delle cose da fare, ma quelle che riteniamo di poter completare da qui fino alla fine della consiliatura, o che comunque avranno un avvio fondamentale…Per questa “impresa” ho necessità di poter contare sul sostegno di tutti i consiglieri della maggioranza e del loro contributo di idee, ma non disdegnerò gli apporti che dovessero venire dai banchi dell’opposizione. Non ho il dono della verità e dell’infallibilità, ma ho la certezza di mettere al servizio della nostra comunità la mia onestà e trasparenza, la mia ferma determinazione a rendere un servizio, la mia tensione costante a migliorare la nostra città per consentire agli avellinesi di ritrovare il loro orgoglio e amore verso di essa.