Breaking News
Home » Cultura » Mercogliano: alla scoperta delle antiche porte
Mercogliano

Mercogliano: alla scoperta delle antiche porte

Mercogliano: come si presentava nel Medioevo e quali erano dai documenti le porte di accesso alle mura di cinta del castello

Mercogliano nel Medioevo si presentava circondata da una forte cinta di mura di cui sono visibili ancora dei resti. Le mura esigevano le porte che da

Mercogliano
Porta del Piede chiamata poi Porta dei Santi

una parte limitavano le entrate nell’abitato e dall’altra mettevano il paese a contatto con il suo territorio circostante. Ma quali e quante erano le porte di Mercogliano? Una ricerca accurata in materia la svolse Padre Giovanni Mongelli che, attraverso i documenti dell’Archivio di Montevergine, è risalito al numero e ai nomi delle porte: porta dell’Acqua, del Piede, del Capo, Mazzocca.

Le Porte

Come si comprende subito dal nome delle stesse porte, quelle del Piede e del Capo erano le porte opposte. Quella del Piede designava la porta inferiore del paese, la prima porta ad essere menzionata nei documenti risalenti al 1162 proprio perché è stata sempre considerata la porta principale del paese, e sussiste ancora. È meglio conosciuta come Porta dei Santi perché su di essa vi fu dipinto un affresco raffigurante i tre santi patroni di Mercogliano: San Modestino, San Flaviano e San Fiorentino e così ne prese il nome dal 1318.

La Porta del Capo, invece, menzionata per la prima volta nel 1217, era la porta di accesso superiore del paese e metteva in diretta comunicazione col castello o maniero feudale e perciò era anche detta Porta del Castello. La Porta Mazzocca si trovava dalla parte settentrionale del paese, nella zona detta la

Mercogliano
Porta dell’Acqua

Torricella, ed è menzionata per la prima volta nel 1172 dove si parla di un orto, ovvero di un oliveto della Chiesa di San Pietro. Il nome lo trae dalla famiglia Mazzocca presenta a Mercogliano dal 1130.

Infine la Porta dell’Acqua, il cui nome risalente al 1199, si deve al fatto che a pochi passi dalla stessa vi è una sorgente di acqua detta Acqua del Pero, è situata nella parte meridionale delle mura del castello ed esiste ancora. Sono quattro quindi le porte antiche ed originali provate dal Mongelli che tagliavano le mura approssimativamente ai quattro punti cardinali: la Porta del Piede ad Oriente, quella del Capo ad Occidente, la Porta Mazzocca a Settentrione e la Porta dell’Acqua a Mezzogiorno.

Scriveteci

commenti scritti.
GUARDA, ASCOLTA .... SCRIVI !!!
Leggi e Commenta le nostre rubriche e rimani aggiornato con un LIKE sulla nostra pagina FB

About Maria Carmen Fumiento

Maria Carmen Fumiento
Laureata in Scienze della Comunicazione, Esperto in marketing territoriale, con esperienza pluriennale nella pubblica amministrazione con funzioni di addetto stampa, pubbliche relazioni, organizzazione eventi, ecc. A farmi sempre da guida nel mio lavoro la profonda convinzione che: "Una corretta informazione è garanzia di un' equa accessibilità ai servizi per il cittadino".

Check Also

vito lepore

Vito Lepore: i lupi battono l’Hapoel e volano in finale

La Scandone si presenta al PaladelMauro con una vittoria che vale la finale del XXV  …