Salernitana – Avellino, le probabili formazioni

0
Avellino, Vicenza, punti, livorno, salvezza, crotone, salernitana

In vista del derby con la Salernitana, Novellino medita su uomini e strategie per la conquista di tre punti importantissimi. Lupi in emergenza difesa

CASA LUPI
Avellino (4-4-2): Radunovic; Lasik, Djimsiti, Migliorini, Perrotta; D’Angelo, Moretti, Paghera, Bidaoui; Verde, Ardemagni. All. Novellino

Per i lupi un match che vale tantissimo: prima per la classifica, poi per l’onore. Il derby con la Salernitana, forse la partita più attesa dell’anno, acquisisce un peso specifico notevole, proprio perché cade in un momento in cui i punti in classifica valgono doppio.
Novellino per guadagnare i punti-salvezza si affida a Radunovic, che dirigerà la difesa priva di Gonzalez, infortunato, e Jidayi, che partirà dalla panchina perché non al meglio.
L’assetto difensivo dei lupi sarà così ridisegnato con Lasik sulla fascia destra e Migliorini ad accompagnare Djimsiti al centro della difesa. Perrotta sulla sinistra.

A centrocampo, quindi, rientra D’Angelo che si posizionerà sull’out di destra, mentre sulla fascia sinistra Bidaoui tenterà le solite incursione. Al centro due maglie per tre: Moretti, Paghera e Omeonga, con gli italiani favoriti sul belga.

Angelo D'angelo capitano dei lupi, salernitana
Angelo D’angelo capitano dei lupi

Vasta la scelta in attacco, con il duo offensivo che dovrebbe delinearsi nelle figure di Verde ed Ardemagni, ma con Eusepi che si giocherà il posto con il giovane attaccante napoletano fino all’ultimo minuto.

CASA SALERNITANA
Salernitana (3-4-1-2): Gomis; Mantovani, Bernardini, Tuia; Improta, Minala, Ronaldo, Vitale; Rosina; Sprocati, Coda. All. Bollini

Se l’Avellino ha ancora molto da chiedere al campionato, i cugini granata hanno perso per poco il treno play-off e sono pronti a far scorrere il finale di stagione in maniera tranquilla.
Tranquillo, però, è l’aggettivo che più si allontana dal derby, poiché i giocatori della Salernitana conoscono il valore di questa partita  per i tifosi.

Lo sa bene anche Bollini, che vuole provare a regalare ai supporter presenti all’Arechi una vittoria che vendicherebbe la sconfitta dell’andata e segnerebbe altri tre punti che mancano nel tabellino dei granata da quasi un mese (Salernitana 2-1 Latina del 17 aprile).

Il mister originario di Mantova si prepara con una difesa a tre composta dal blocco Mantovani-Bernardini-Tuia a difendere i pali dell’ex -Avellino Gomis.

Equilibrio a centrocampo, con Vitale più propenso alla difesa sulla fascia sinistra ed Improta che tenterà di dare il suo solito apporto alla fase offensiva con delle incursioni dalla destra.

In avanti, occhi puntati sulla fantasia di Rosina che agirà dietro il cinismo della coppia Sprocati-Coda, quest’ultimo a quota 14 gol.