Breaking News
Home » Cronaca » Arrestato in Germania il 55enne pregiudicato di Avella
carife, Ospedaletto d'Alpinolo, avellino

Arrestato in Germania il 55enne pregiudicato di Avella

Ieri si sono concluse le indagini per un 55enne di Avella ricercato in tutta Europa per gravi reati. L’uomo è stato ritrovato a Waldenbuch, in Germania

Scacco matto all’ultimo soggetto ancora libero del sodalizio armato battezzato dai suoi fondatori con il nome “NUOVO ORDINE DI  ZONA”, dedito alla commissione di una pluralità di reati contro la persona e contro il patrimonio al fine di acquisire­ il controllo delle attività economiche nello specifico settore delle imprese edili sia negli appalti privati sia negli appalti pubblici.

L’uomo era ricercato in tutta Europa. Grazie ad attività curate dai Carabinieri del  Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Avellino, è stato possibile rintracciare in Germania il pregiudicato 55enne di Avella colpito da mandato di arresto europeo in quanto rientrante nell’operazione eseguita in data 3 ottobre 2016 nei confronti di 7 soggetti, in esecuzione di ordinanza emessa dal GIP del Tribunale di Napoli su richiesta della Direzione  Distrettuale Antimafia di Napoli, con il coordinamento del Dott. Giuseppe Borrelli, al termine di approfondite indagini effettuate nel procedimento aperto a seguito di due omicidi avvenuti nel 2013 nel Mandamento Baianese.

Nel corso dell’attività investigativa che ha portato all’emissione del citato provvedimento, l’attenzione degli inquirenti si concentrava -tra gli altri- su due persone. Sulla base delle prime risultanze acquisite venivano autorizzate le operazioni di intercettazione telefonica relativamente alle loro utenze, oltre che nei locali dei una ditta di costruzioni. Gli esiti delle disposte operazioni di ascolto si rivelavano subito proficui, consentendo per un verso di monitorare -in alcuni casi- in tempo reale la materiale commissione di gravi delitti (sequestro di persona a scopo estorsivo e detenzione di armi da sparo, aggravati dall’utilizzo del metodo mafioso, per i quali le due persone alla particolare attenzione degli inquirenti sono state prima arrestate e poi condannate alla pena di anni 20 di reclusione), per altro verso di ricostruire il ruolo e lo spessore criminale degli stessi indagati e le attività criminali da loro ideate e commesse. La progressiva estensione delle intercettazioni consentiva di individuare i soggetti vittima di estorsione e di altri delitti, delineando l’esistenza di un qualificato quadro indiziario in merito a più fatti di reato contestati anche ad altri soggetti, pregiudicati, imprenditori, liberi  professionisti, pubblici ufficiali, loro collegati, tra luglio 2013 e marzo 2015. In effetti, le indagini effettuate dopo la commissione dei suddetti gravi fatti di sangue, costituite da numerose attività di intercettazione telefonica e ambientale, da testimonianze di persone a conoscenza dei fatti e dalle dichiarazioni di collaboratori di giustizia, da accertamenti di Polizia Giudiziaria, dai servizi sul territorio e dai riscontri documentali, hanno poi fornito gli elementi per accertare e individuare le dinamiche adottate da un nuovo gruppo criminale costituito di recente nel territorio baianese, capace di controllare i paesi di Avella, Baiano e comuni limitrofi e di condizionare l’operato della Pubblica Amministrazione nei suddetti comuni allo scopo di ottenere l’aggiudicazione di appalti pubblici e imporre il monopolio della fornitura del calcestruzzo coartando le ditte fornitrici e delle imprese edili, nonché di accertare la commissione di diversi reati-fine (corruzione, turbativa d’asta,  estorsioni,  usura, detenzione illegale di armi, tutti aggravati dall’utilizzo del metodo mafioso) da parte degli indagati.

Il rintraccio del ricercato è stato possibile grazie all’ininterrotta attività info-investigativa condotta dai Carabinieri del Nucleo Investigativo di Avellino che hanno interessato il collaterale organo tedesco.

L’arresto del 55enne è stato effettuato ieri ad Waldenbuch, a conclusione dell’attività d’indagine dei militari dell’Arma. Dopo le formalità di rito l’uomo è stato associato presso l’istituto penitenziario di Stoccarda, in attesa di determinazioni circa l’eventuale trasferimento in Italia.

Scriveteci

commenti scritti.
GUARDA, ASCOLTA .... SCRIVI !!!
Leggi e Commenta le nostre rubriche e rimani aggiornato con un LIKE sulla nostra pagina FB

About Redazione Avellino.Zon

Redazione Avellino.Zon
Tutte le notizie da Avellino e Provincia. Una redazione giovane, impegnata ad informare l'Irpinia e non solo. Avellino.Zon è la testata giornalistica irpina di Zon.it, giornale nazionale che si inserisce nel mondo dell'informazione online come network nuovo e dinamico. Per Info scrivici a redazione@avellino.zon.it WhatsApp 3779426559

Check Also

Tommariello

Montefusco: fervono i preparativi per il Tommariello d’oro 2017

Il comune di Montefusco è in attesa del Tommariello d’oro, che ogni anno porta notorietà …