Home » Prima Pagina » Avellino-Perugia, il braccio di ferro tra due ottime squadre
Avellino

Avellino-Perugia, il braccio di ferro tra due ottime squadre

Dopo il mezzo passo falso di Vercelli, l’ Avellino è subito a caccia del riscatto contro un Perugia reduce dal buon pari casalingo con il Frosinone

È proprio vero che quando la vita ti butta giù, ti dà subito la possibilità di rialzarti. È questo il caso dell’ Avellino: dopo il mezzo passo falso compiuto a Vercelli nel turno infrasettimanale, gli uomini di mister Novellino hanno subito la possibilità di lasciarsi alle spalle un leggero stop, forse inaspettato. Sabato al Partenio, i biancoverdi scenderanno in campo contro il Perugia, forse una delle squadre non tra le più facili da fronteggiare, ma forse quella giusta per il rilancio.

I NUMERI

L’Avellino, attualmente dodicesimo, sfida il Perugia, momentaneamente ottava forza del campionato. Umbri in piena zona play-off, Avellinoavellinesi con solo quattro punti di distacco, quindi a ridosso proprio dei Grifoni, guidati da mister Cristian Bucchi. Inoltre i ben sei punti di vantaggio sul sulla zona play-out conferiscono all’Avellino una certa tranquillità, una sicurezza con la quale si può ambire a traguardi più alti. Possiamo dunque parlare di uno scontro diretto per la lotta per la promozione.

L’Avellino per ora ha messo a segno 28 reti e ne ha subite 33; sull’altra sponda, le reti siglate sono ben 34, mentre quelle subite sono 28. Se la matematica non ci inganna, almeno sulla carta, i nostri amici scommettitori punterebbero su una partita con molteplici marcature, dato che mediamente, entrambe le squadre segnano e subiscono una rete a partita.

Sabato, se le due squadre andassero a segno, le marcature porterebbero, sempre numericamente parlando, la firma di Ardemagni e Verde da un lato, e dall’altro di Di Carmine e Nicastro, coppie che hanno messo a segno rispettivamente 15 e 14 gol, accompagnati da 7 e 4 assist complessivi, senza tralasciare l’apporto in fase realizzativa dei centrocampisti, vedi D’Angelo e Dezi (quattro reti a testa).

MENS SANA IN CORPORE SANO

AvellinoSi affronteranno due squadre in ottima condizione fisica. Considerando gli ultimi cinque incontri disputati, l’Avellino ha portato a casa 11 punti su 15 disponibili; solo tre in meno invece per gli umbri che chiudono questo mini-ciclo di partite con differenza reti pari a 0, mentre i Lupi lo fanno con un bel +6.

Ad Avellino, sembra ormai essere tornata quella che una volta era la legge del Partenio: sono infatti ben due i mesi in cui il sintetico di Contrada Zoccolari non vede prevalere la squadra ospite. In trasferta i Grifoni conseguono risultati piuttosto variabili, ma con una costante: fino al triplice fischio non mollano mai, dalla serie finché c’è vita c’è speranza. Se il fisico risponde bene sul campo, è grazie anche alla mente: i rispettivi mister, Novellino e Bucchi hanno le idee ben chiare e riescono a farsi comprendere dai propri giocatori, fattore, assolutamente da non trascurare.

CONTROTENDENZA

Per usare un eufemismo, è da troppo tempo che l’ Avellino non si impone sul Perugia. I precedenti totali sono venti e di certo non sorridono ai biancoverdi: solo due vittorie per questi ultimi, poi otto pareggi e ben dieci vittorie perugine. È tempo dunque di invertire questo trend negativo dato che sono più di undici anni che l’Avellino non festeggia i tre punti contro gli umbri. Se poi aggiungiamo che Belmonte, Volta e Monaco, cioè 3/4 della difesa titolare sono squalificati, tutto può diventare meno difficile.

Ecco dunque un match incerto, che promette spettacolo, che non mette in palio i soli tre punti, perché in gioco c’è anche una bella parte di stagione che può dire definitivamente quali sono le potenzialità delle due squadre, mai completamente espresse nel pieno della loro forza.

Scriveteci

commenti scritti.
GUARDA, ASCOLTA .... SCRIVI !!!
Leggi e Commenta le nostre rubriche e rimani aggiornato con un LIKE sulla nostra pagina FB

About Francesco Testa

Francesco Testa
Soprannominato "El Rey Leon", diplomato nel 2015 presso il Liceo Scientifico "P.S. Mancini", studente in Lingue e Culture Straniere presso L'Università degli Studi di Salerno. Appassionato di quasi tutti gli sport. Collabora con Avellino.Zon dal gennaio 2017.

Check Also

Terre d'Irpinia

Terre d’Irpinia, boccali e pascoli: quando formaggi tipici irpini sposano birre artigianali

Oggi, venerdì 26 maggio, il Circolo della Stampa di Avellino ospiterà un evento eccentrico ma …