1° Maggio, mostre e proiezioni al Carcere Borbonico



0
Carcere Borbonico
Foto dal sito ambientesa.beniculturali.it

Apertura straordinaria del Carcere Borbonico di Avellino in occasione del 1° Maggio. La struttura ospiterà una mostra documentaria dedicata all’antica tratta ferroviaria Avellino-Rocchetta nonché due proiezioni del film “Ultima fermata” di Giambattista Assanti

Mostre e proiezioni saranno di scena al Carcere Borbonico di Avellino in occasione del 1° Maggio. Lo storico complesso, una delle sedi della Soprintendenza Belle Arti e Paesaggio di Salerno e Avellino, resterà, infatti, aperto al pubblico dalle 8:00 alle 14:00 e dalle 15:00 alle 21:00.

Un’apertura straordinaria durante la quale sarà possibile visitare una mostra documentaria dedicata all’antica tratta ferroviaria Avellino-Rocchetta Sant’Antonio.

Carcere borbonicoLa storica strada ferrata sarà protagonista anche nel pomeriggio. Sono previste, infatti, due proiezioni del film “Ultima fermata” di Giambattista Assanti, rispettivamente alle 15:00 e alle 18:00. Fil rouge che, nella pellicola, lega tra loro le vite dei protagonisti è proprio la ferrovia irpina, ormai dismessa.

La proiezione delle ore 18:00 sarà preceduta da un dibattito che vedrà la partecipazione del regista, dei sindaci dei paesi compresi nella tratta Avellino-Rocchetta, dell’architetto Cinzia Vitale, funzionaria della Soprintendenza, e dell’architetto Romeo Gentile, in rappresentanza del governatore della Campania Vincenzo De Luca.

La Soprintendenza ha deciso di dedicare la giornata alla storica ferrovia con l’obiettivo di informare la cittadinanza sulla proposta di dichiarazione dell’interesse culturale della stessa.

Nel corso della mattinata, inoltre, l’UNICEF avrà modo di esporre: i lavori degli alunni dell’Istituto Perna-Alighieri realizzati per l’evento “Noi ci siamo… NutriAMO il mondo“; i simboli della Pasqua ucraina, che cade il 1° Maggio, a cura dell’associazione “Ucraini Irpini“; 3 pigotte d’artista realizzate da Gennaro Vallifuoco, Corcione Sandoval ed Ettore De Conciliis.

Infine, da ricordare, che durante l’intera giornata sarà possibile visitare il giardino degli odori, attualmente in piena fioritura.

Leggi anche