Movida sicura: a Montella i Carabinieri denunciano 6 ragazzi



0
Montella

Al fine di assicurare una movida sicura i Carabinieri di Montella hanno intensificato i controlli e nel weekend hanno denunciato 6 giovani.

Nel corso del fine settimana, i Carabinieri della Compagnia di Montella hanno messo in campo un dispositivo straordinario per il controllo del territorio di competenza, disposto dal Comando Provinciale di Avellino, impiegando vari equipaggi di rinforzo provenienti dalle Stazioni dipendenti, al fine di tutelare e ottenere una movida sicura.

Numerosi sono stati i veicoli e i soggetti sottoposti a particolari verifiche, con ispezioni e perquisizioni durante i posti di controllo predisposti principalmente in prossimità dei locali che sistematicamente organizzano serate musicali.

Operazione Movida sicura per i Carabinieri di Montella
Operazione Movida sicura per i Carabinieri di Montella

Dal controllo dei giovani che a finita serata si accingevano a ritornare a casa, ben 6 di loro sono stati denunciati in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino, diretta dal Procuratore Dott. Rosario Cantelmo, per guida in stato di ebrezza. In particolare: a Montella, Cassano Irpino e Chiusano di San Domenico, 5 giovani sono
stati denunciati perché, evidenziando chiari sintomi che facevano
presupporre l’abuso di sostanze alcoliche, sono stati sottoposti agli
accertamenti mediante etilometro che dava esito positivo; uno di loro veniva
trovato in con un tasso alcoolemico 5 volte superiore al limite massimo
consentito per la guida. Sempre a Montella, è stato accertato che un tossicodipendente si era messo alla guida dell’auto dopo aver assunto sostanze stupefacenti.
Per tutti è scattato inoltre il ritiro della patente.

E’ chiaro che tali controlli non dovrebbero urtare la sensibilità di tanti giovani che durante il fine settimana vogliono divertirsi liberamente. Sarebbe utile ricordare che la nostra libertà finisce dove comincia quella degli altri: dunque liberi di divertirci come vogliamo ma mai mettere in pericolo la vita degli altri a causa nostra.

Leggi anche