domenica - 28 Febbraio 2021

Vaccino, oggi somministrate 1.102 dosi in Irpinia

Nella giornata di oggi 28 febbraio 2021 sono state somministrate presso i Centri Vaccinali anti-covid dell’Asl di Avellino tot. 1.102 dosi di vaccino così...
More

    27 GENNAIO: RICORDARE PER CAMBIARE

    Ultime Notizie

    Il 27 gennaio giorno della Memoria con le parole di Luigi Caputo del Comitato Politico Provinciale PRC – Federazione Avellino

    27 gennaio 2021 – Nel 1988, nel corso di un interessante convegno su La legislazione antiebraica in Italia e in Europa, l’allora vicepresidente del Senato, Paolo Emilio Taviani, DC, ex partigiano e già ministro dell’Interno, affermò che, dopo l’emanazione delle leggi razziali del 1938, “in Italia, più che a contrastare, ad attenuare la persecuzione degli israeliti si mossero in molti: gli antifascisti militanti del ventennio, giovani, laici e cattolici, ecclesiastici, perfino qualche fascista. La solidarietà silenziosa di larghi settori del popolo italiano mitigò ma non fermò – non poté o non riuscì a fermare – l’escalation dell’ antisemitismo brutale dei teutonici” .

    - Advertisement -

    Colpisce questo scarto improvviso nel discorso, che, mentre descrive le conseguenze di
    quelle leggi sulla comunità ebraica italiana, chiama in causa un soggetto esterno (“i teutonici”), quasi a deresponsabilizzare, insieme al popolo italiano, il governo, o meglio il regime, di allora. Se di lapsus si tratta, appare davvero emblematico, non solo delle incertezze del suo autore, ma di una mentalità diffusa.

    Nel 1988 certi temi facevano ancora fatica ad affermarsi nel discorso pubblico. Nel 2000, grazie a una forte spinta dal basso, e in particolare alla determinazione del senatore Furio Colombo, si giunse all’istituzione della Giornata della Memoria, più o meno contestualmente a quanto accadde in numerosi altri Paesi. Se oggi, almeno nelle occasioni ufficiali non si ascoltano più discorsi come quello di Taviani, è anche grazie a questa ricorrenza, che ha avuto il merito di ricollocare all’interno della storia nazionale un fenomeno, quello delle discriminazioni e della persecuzione antiebraica, a lungo rimosso o marginalizzato.

    Tuttavia centralità non significa ancora coscienza della profondità della compromissione allora prodottasi con l’ antisemitismo e con il razzismo in generale, così come sta accadendo per certi versi rispetto alla loro manifestazione estrema, la Shoah : notevole progresso della conoscenza in estensione, molto meno in profondità.

    Si sa tutto, o quasi, di Auschwitz e del funzionamento delle camere a gas. Si conosce molto
    meno bene ciò che precedette la soluzione finale, la stessa natura del nazismo come forma estrema di antimarxismo e anticomunismo, la configurazione della Germania hitleriana come gigantesca centrale repressiva di qualsiasi minoranza e/ o opposizione, il suo utilizzo dell’ antisemitismo per promuovere la liquidazione, la più violenta e barbarica, della lotta di classe. Tornando al nostro Paese, ancora oggi diffusa è la convinzione che quello italiano sia un antisemitismo di natura mimetica, di importazione, introdotto nel Paese per cupidigia di servilismo del tiranno italiano nei confronti del suo omologo tedesco o per un perverso spirito di emulazione. Non è affatto così.

    Sul piano storico, innanzi tutto, non vi è, allo stato delle conoscenze, alcun atto o documento che attesti una forma di pressione, diretta o indiretta, di Hitler su Mussolini per spingerlo ad introdurre una legislazione antisemita anche in Italia. Ispirazione, sì, indubbiamente, ci fu, perché era evidente la spinta propulsiva che la torsione razzista avrebbe dato all’ edificazione dello Stato totalitario. Condizionamento tuttavia no,
    perché la svolta antisemita fu voluta e programmata lucidamente in vista del progetto di creazione dell’uomo nuovo e rientrava in un corpus normativo di natura discriminatoria che includeva la legislazione dell’apartheid già introdotta nelle colonie. Allora si può affermare che la Giornata della Memoria sia riuscita pienamente nel suo scopo? Non proprio. Troppo spesso nel corso di questi anni, in nome del riconoscimento del ruolo avuto da “coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio, e a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati” (dall’art. 1 della legge istitutiva della Giornata della Memoria) sono spuntati improvvisamente benefattori e
    salvatori, veri o presunti, di ebrei.

    Ecco allora, riverniciato e pronto al (ri)uso, il mito del bravo italiano; ecco, soprattutto, un’ altra occasione persa per fare i conti realmente, cioè senza infingimenti e ipocrisie,
    con la nostra storia. Non per passare dall’ autoassoluzione all’ autoflagellazione, ma per mettere a fuoco l’impatto che la fascistizzazione della vita quotidiana ha avuto sul popolo italiano, in cui più corposamente si riflette la sua natura di regime reazionario di massa, e per effettuare quella critica (e quella sanzione) delle scelte delle classi dirigenti la cui assenza rappresenta il vero vulnus culturale che accompagna la nascita della Repubblica.

    Quale critica e quale sanzione? Quelle, ad esempio, del comportamento di tutti quei docenti universitari che nel 1938 avevano preso il posto dei colleghi ebrei e che rimasero impunemente in cattedra anche dopo la fine del regime; degli pseudo- scienziati che firmarono il c.d. “manifesto della razza”, anch’essi quasi sempre lasciati nelle loro postazioni di potere con tutti gli onori; di quei giuristi che vilipesero il proprio sapere mettendolo al servizio del regime, sforzandosi anche di fornire cornice legale alla ripugnante legislazione razziale, e incredibilmente addirittura premiati, in età repubblicana, con altissime cariche (un solo nome su tutti: Gaetano Azzariti, già presidente del
    “Tribunale per la difesa della razza” e divenuto nel dopoguerra addirittura presidente della Corte Costituzionale); di quei settori del mondo cattolico e della DC che nel dopoguerra hanno continuato a fare fronte comune con i settori più retrogradi, misoneisti e spesso antisemiti della curia romana.

    Non fare i conti con la propria storia proietta le proprie ombre anche sul presente. Nell’agitarsi scomposto di chi oggi grida alla “difesa dei confini della patria” per giustificare la guerra permanente contro i migranti che fuggono da guerre e fame, sembra riecheggiare il vittimismo aggressivo dei sostenitori di allora dell’idea dell’Italia in perenne conflitto di civiltà, quel vittimismo aggressivo che sicuramente ci verrà propinato nuovamente fra pochi giorni, con la “Giornata del ricordo”, nata e divenuta sempre più nel corso del tempo una sorta di festival del revisionismo storico.

    Perciò oggi ribadiamo: ricordare, ricordare sempre, per cambiare, ovvero la funzione più alta che possa avere la memoria e quella che noi le riconosciamo con convinzione”.

    Luigi Caputo
    Federazione Provinciale PRC Avellino

    CONTINUA SU AVELLINO ZON

    Latest Posts