Coach Sacripanti: “Ai playoff con Ragland al 100%”

0
sacripanti resettare

Il coach analizza il match contro Sassari e spiega l’esclusione di Ragland: “Mancano ancora sette gare vogliamo preservarlo per i playoff”

Dopo la sofferta vittoria in casa di Reggio Emilia, la Scandone torna alla vittoria anche davanti al suo pubblico, contro Sassari. Notizie confortanti arrivano dall’infermeria: dopo due mesi di stop per l’infortunio alla mano destra, si è rivisto sul parquet del PaladelMauro, Marco Cusin. Ancora out, invece, Joe Ragland, tenuto a riposto precauzionale ancora per il problema alla spalla accusato dopo la partita di Champions contro

Coach Sacripanti è soddisfatto della gara dei suoi uomini. Si è vista una Scandone concentrata, che non ha perso la testa quando Sassari si è rifatta sotto, convinta dei propri mezzi fino alla fine quando il distacco è arrivato in doppia cifra.

“Ci sono molti aspetti positivi in questa partita, allunghiamo su Sassari in classifica con il doppio vantaggio negli scontri diretti. – ha detto il coach– Abbiamo disputato un’ottima gara sfruttando l’energia di tutti i nostri esterni e dei lunghi. Finalmente, ripartiamo dalla nostra difesa, far segnare solo 65 punti a Sassari è la dimostrazione dell’ottimo lavoro svolto. Mi dispiace solo che dopo aver commesso qualche errore offensivo, diventiamo troppo soft in difesa, situazione che si è palesata nel secondo quarto. Poi, c’è da sottolineare il rientro di Marco Cusin, pensavamo di farlo giocare contro Brindisi, ma dopo l’allenamento di venerdì abbiamo ritenuto opportuno schierarlo qualche minuto per aiutarlo mentalmente a riprendere fiducia con il gioco. Sono molto contento perché questa vittoria ci aiuta a superare il momento di crisi che stiamo vivendo.”

Riguardo l’esclusione di Joe Ragland, il coach ha dichiarato:

 “Dobbiamo arrivare con Joe Ragland ai play-off al 100%, è un grande professionista che pur di giocare lo farebbe sopra al dolore, ma non possiamo forzare la mano. Mancano ancora sette gare vogliamo preservarlo finché non recupererà il massimo della forma.”