Al via ad Avellino al “Progetto UniCredit Mipaaf. Coltivare il futuro”



0
logo mipaaf
logo mipaaf

 

Oggi UniCredit e il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali (Mipaaf) hanno illustrato un programma finalizzato a sostenere gli investimenti e favorire l’accesso al credito delle imprese operanti nel settore agroalimentare italiano ed irpino.

L’agricoltura irpina ha raggiunto nel 2015 un valore aggiunto* di 216 milioni, in crescita dell’11,8% rispetto all’anno precedente e con una previsione di crescita del 3,9% anche nel 2016. Su fronte degli occupati, la forza lavoro impiegata nel settore è di 12mila unità, con una crescita dell’occupazione in provincia dello 0,8% nel 2015 ed una crescita prevista dell’ 1,3% anche nel 2016. (elaborazioni UniCredit su dati Prometeia). Nel 2015 si registra inoltre una crescita dei flussi delle esportazioni agricole provinciali, pari al 3%.

Proprio alla luce della centralità del settore nell’economia del Paese e della provincia di Avellino e tenuto conto delle prospettive di crescita del settore nel medio-lungo termine, oggi UniCredit e il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali (Mipaaf) hanno illustrato un programma finalizzato a sostenere gli investimenti e favorire l’accesso al credito delle imprese operanti nel settore agroalimentare italiano ed irpino.

Per il Sud UniCredit si pone l’obiettivo di erogare 1 miliardo in tre anni, di cui oltre 500 milioni in Campania (150 milioniper l’area Campania Nord, che comprende le province di Avellino, Benevento e Caserta).  E’ il “Progetto UniCredit Mipaaf. Coltivare il futuro”, che è stato descritto nei suoi contenuti da Maurizio Martina, Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali, Federico Ghizzoni, Amministratore Delegato di UniCredit, e Gabriele Piccini, Country Chairman Italy dell’Istituto. L’evento, tenutosi a Milano, è stato seguito in streaming in 40 città italiane, coinvolgendo complessivamente oltre 1.200 imprenditori in tutto il Paese.

Per info contattaci al numero: 3779426559 – anche WhatsApp!

Leggi anche