Final Eight al via: Scandone subito in campo



0
final eight

Oggi alle ore 18 la Scandone scenderà in campo contro la Vanoli Cremona per la prima sfida delle Final Eight 2018

L’attesa è finalmente terminata. Oggi prenderanno il via le Final Eight 2018 del campionato italiano di Serie A che vedranno a contendersi la coppa 8 squadre: Avellino, Bologna, Brescia, Cantù, Cremona, Milano, Torino e Venezia.

Ad aprire le danze sarà proprio la Scandone che, alle ore 18.00 presso il Mandela Forum di Firenze, affronterà la Vanoli Cremona di Meo Sacchetti. I lupi, dopo l’eliminazione in Champions League, sembrano aver ritrovato il mordente che li ha caratterizzati nella prima parte di stagione. La vittoria contro la Flexx Pistoia ha evidenziato la ripresa di Wells e del trascinatore Rich. Il gigante ucraino Fesenko, invece, dopo i problemi al ginocchio degli ultimi tempi, dovrebbe essere il perno dell’attacco biancoverde.

Gli avversari del team di Sacripanti vengono da 3 sconfitte nelle ultime 4 partite, l’ultima proprio contro Venezia altra contendente alla coppa e campione d’Italia. I lombardi hanno già battuto i lupi in campionato rifilandogli 13 punti di scarto con un Johnson Odom sugli scudi.

Questa sera, invece, l’altro quarto di finale delle Final Eight vedrà impegnati Venezia e Torino: la vincente delle quali dovrà vedersela con la vincente del quarto tra Avellino e Cremona. Domani alle ore 18.00 derby lombardo tra Milano e Cantù e in serata Bologna e Brescia chiuderanno il programma. Le squadre che passeranno il turno si scontreranno sabato in semifinale mentre la finale prenderà il via domenica.

I giorni scorsi sono stati caratterizzati da non poche polemiche. La Lega ha, infatti, deciso di mettere in vendita solo 400 biglietti per ogni tifoseria. Gli Original Fans hanno già annunciato di voler arrivare in massa a Firenze con o senza biglietto, volontà manifestata anche con numerosi striscioni apparsi in tutta la città.

In ogni caso, che sia dal Mandela Forum o davanti alla tv, la Scandone sarà sostenuta da un’intera provincia che sogna di bissare il successo di 10 anni fa, quando Green e compagni riuscirono, contro ogni pronostico, a portare la coppa in Irpinia.

Leggi anche