Alto Calore e Ato in Consiglio comunale ad Avellino

0
Avellino, lunedì convocazione straordinaria del Consiglio comunale

È stato chiesto in Consiglio comunale di Avellino migliore efficienza per i servizi dell’Alto Calore con costi più contenuti e una serie di interventi dell’Ato 

Si è riunito a Palazzo di Città il Consiglio Comunale per la prima seduta monotematica che avvia  il dibattito sulle Partecipate. L’Assise municipale ha inteso seguire il percorso indicato dall’Assessore al ramo Arturo Iannaccone partendo dall’Alto Calore Servizi e dal Consorzio Ente D’Ambito Calore IrpinoL’obiettivo del Consiglio è quello di fare una ricognizione attraverso le audizioni dei Presidenti che gestiscono le varie società a partecipazione comunale. A relazionare erano chiamati iconsiglio comunale Presidente dell’Alto Calore Raffaello De Stefano ed il Commissario dell’Ato Giovanni Colucci. 

I lavori sono iniziati con l’intervento dall’Assessore Iannaccone che ha ricordato la funzione delle Partecipate che devono produrre migliori servizi e maggiore efficienza, a costi più contenuti per i cittadini, sempre nell’ottica di una eventuale intervento di ridimensionamento e razionalizzazione delle stesse. Iannaccone ha  sottolineato  che il dibattito avviato sull’acqua è attuale e che, rispetto al modello idrico futuro, il Consiglio comunale si è già espresso  indicando la  gestione pubblica. E quindi intervenuto il  commissario dell’ATO Giovanni Colucci  che nella sua relazione ha fornito una puntuale ricognizione al Consiglio ed ha riferito di una serie di interventi sulle reti idriche tesi ad un loro miglioramento sempre nell’ottica di una maggiore qualità del servizio. In questa logica rientra anche la realizzazione del catasto degli scarichi fognari,  la cui azione di controllo spetterà direttamente ai Sindaci, anche da un punto di vista sanitario.

Ha poi preso la parola il Presidente dell’Alto Calore Servizi Raffaello De Stefano che ha affrontato la questione relativa ai conti e al bilancio dell’Ente di Corso Europa fornendo le  cifre sui ricavi e sui costi fissi dell’azienda legati alla gestione dei servizi erogati e a molte altre voci come il costo dell’energia  e anche del personale addetto.