Amministrative 2018. Bagnoli Irpino, Vivolo: “In campo tutte le forze possibili”

0
bagnoli irpino

Lo scontro al femminile nel Comune di Bagnoli Irpino è iniziato tra Teresa Di Capua e Maria Vivolo, che commenta la sua discesa in campo

Può iniziare la campagna elettorale anche a Bagnoli Irpino, che vede uno scontro tutto rosa tra: Teresa Di Capua con la lista “Progetto per Bagnoli” e Maria Vivolo con la lista “Ora si deve – Bagnoli Libera”.

Intanto domani sarà presentata la compagine che fa capo a Maria Vivolo, presso la sala consiliare del Comune di Bagnoli Irpino, alle 19:00. Invece, domenica sarà Di Capua, sempre nella sala consiliare, a presentare la sua squadra, intorno alle 18.

bagnoli irpino
Maria Vivolo

“Il simbolo che ho voluto è il cigno che si rialza come dovrebbe fare Bagnoli e la dicitura ora si deve viene dal fatto che oggi si devono mettere in campo tutte le forze possibili com’era il paese nei tempi migliori. Cinque anni fa era ora si può, ma non mi hanno fatto completare quello che avevo in mente, proprio quelli che oggi trovo dall’altra parte. Proprio queste persone hanno delimitato la nostra divisione abbattendo prima me e poi il sindaco Filippo Nigro”, questo il duro commento di Maria Vivolo.

“La mia lista, – ha affermato – ci tengo a precisare è nata in 24 ore ed abbiamo le idee molto chiare su quello che vogliamo fare. Bagnoli deve essere libera da tutti gli schemi politici e diciamo basta alla vecchia politica, basti pensare che il colore giallo nel simbolo è un’alba e non deve mai essere un tramonto. Non si può più aspettare”.

Questo è sicuramente un momento di scelte che riguardano il futuro del complesso turistico del Laceno, con in ballo molte soluzioni, alcune ancora da scoprire. La campagna elettorale quindi può iniziare da questo week-end di presentazioni.

“Non voglio dare la colpa a nessuno di quello che è Bagnoli adesso, ma dico che il paese deve essere libero di volare in alto. Si deve sollevare con Bagnoli e Laceno insieme, mettendo insieme tutti e due i territori. Bagnoli e Laceno sono un territorio solo e partono insieme, com’era negli anni addietro e come lo ricordo io. Poi però siamo entrati in una fase di decadenza dalla quale dobbiamo rialzarci e dobbiamo volare in alto”, conclude Maria Vivolo.