Antonietta Rizzo salva grazie agli “angeli” del Moscati



0
Moscati

Giuseppe Rizzo, nipote di Antonietta, la donna colpita da aneurisma e costretta ad un’operazione d’urgenza, ci racconta di quell’incubo e degli angeli in camice bianco che hanno salvato la zia

Era la sera del 17 gennaio 2017, quando la vita di Antonietta Rizzo e dei suoi familiari è stata completamente stravolta da un fulmine a ciel sereno. Si era recata presso l’Azienda Ospedaliera Moscati per una semplice visita di controllo al cuore, ma durate la visita le è stata diagnosticato un aneurisma dissecante dell’Aorta ascendente coinvolgente la radice aortica e insufficienza valvolare aortica severa. Lo stesso Giuseppe Rizzo, nipote di Antonietta, dichiara:

 Noi presi alla sprovvista da quanto stava accadendo cercavamo di capire al meglio di cosa si trattava; i medici fin da subito ci hanno informato che la situazione era critica e che l’intervento era urgente, obbligatorio e che lo stesso aveva poca possibilità di efficacia in quanto statisticamente sopravvive l’1% a questo tipo di operazione. Dopo una lunga preparazione è entrata in sala operatoria dove vi è rimasta per 8 lunghissime ore. Noi fuori ad aspettare e pregare il suo santo affinché tutto andasse bene. Oggi dopo circa 3 settimane di degenza vorremmo ringraziare a nome di Rizzo Antonietta e tutta la sua famiglia il Dott. DE NOTARIS STEFANO e la sua équipe, persone splendide, umili e con la vera passione per il proprio lavoro; vorremmo ringraziare tutti gli operanti del settore di cardiochirurgia dell’ospedale G. MOSCATI, per tutto quello che avete fatto per lei e per noi. siete stati persone anzi “angeli” come vi definisce Rizzo Antonietta che avete saputo restituirgli la sua vita. GRAZIE INFINITAMENTE

Bellissima testimonianza quella della famiglia Rizzo che ci rende fieri di ospitare nella nostra città un’Azienda Ospedaliera come quella del Moscati che, messe da parte critiche, ritardi, lunghe file d’attesa e lamentele varie, vanta un ottimo personale, che lavora con professionalità e umanità.

Leggi anche