L’Arci Avellino oggi a congresso: eletto il nuovo Presidente

0
arci

Congresso Arci Avellino: i circoli della provincia a confronto per promuovere il cambiamento ed eleggere il nuovo presidente

Oggi sabato 8 luglio, a partire dalla ore 11,30 presso la Chiesa del Carmine ad Avellino, si è tenuto il CongressoSpaziArci. Culture resilienti” del Comitato provinciale A.R.C.I. (Associazione ricreativo culturale italiana) di Avellino.

Al tavolo dei relatori erano presenti per l’Arci: il Presidente nazionale Francesca Chiaravacci, il Presidente regionale Francesca Coleti  che ha aperto i lavori e il Presidente uscente di Avellino Marcello Di Nunno.

Hanno preso parte al congresso: per la Regione Campania in rappresentanza della Presidenza del Consiglio Rosa D’Amelio, Salvatore Cucciniello, On. Valentina ParisLorenzo Prezioni Assessore delle Politiche sociali del Comune di Aiello, l’On. Giancarlo Giordano, il Presidente dell’Associazione Don Tonino Bello, l’Assessore alla Cultura del Comune di Avellino Bruno Gambardella, il Presidente del Centro Servizi di volontariato di Avellino Giuseppe D’Argenio.

Oggi nasce il nuovo Comitato provinciale dell’Arci Avellino e il Presidente Marcello Di Nunno ha ceduto la carica al neo eletto Presidente Stefano Iandiorio.

Uno dei principali obiettivi di questa Associazione, ci spiega Francesca Coleti Presidente Arci Regione Campania, è quello di riappropriarsi dei luoghi della città di Avellino abbandonati come l’ex ospedale, l’ex Cinema Eliseo, l’ex centro commerciale Mercatone e l’ex Doagna,  per renderli spazi di vita, socialità, identità e sviluppo soprattutto per i giovani.

Combattere il fenomeno dell’emigrazione giovanile nella nostra Provincia è una priorità. Sconcertante è il tasso di disoccupazione ad Avellino, il 53,5%, conseguenza di un disinteressamento della politica alle vere politiche da attuare per far sì che i ragazzi possano far ritorno nella propria terra dopo gli studi, per lavorarci.

L’Arci oggi mira a porsi come attore di una rinascita della democrazia partecipata nella nostra provincia, verranno promossi strumenti ed occasioni di gestione partecipativa, dando centralità all’Assemblea dei Circoli che avranno il compito di aggregarsi sempre più numerosi.

Le cose possono cambiare e migliorare, sostiene l’Arci, se oggi con il rilancio del nuovo Comitato ricomincia un percorso di partecipazione, cittadinanza e promozione dell’associazionismo anche in Irpinia.