Ariano Film Festival, Enrico Lo Verso e la fortuna di averlo conosciuto



0
Ariano

Ariano International Film Festival, Enrico Lo Verso rapisce la folla con la sua eleganza e la sua umiltà

Ha il sole di Palermo nello sguardo  Enrico Lo Verso, ospite d’onore della quarta giornata dell’Ariano International Film Festival (AIFF), rassegna cinematografica irpina giunta alla IV edizione. Un nome in cui si celano sorprendenti enigmi ed un talento capace di varcare ogni confine, con le sue straordinarie capacità interpretative. I suoi occhi profondi, la sua semplicità, che è una grande virtù, ed un’anima grande, hanno calcato il palcoscenico della conferenza stampa di ieri pomeriggio, conquistando tutti e conquistandomi.

Quello che rapisce di lui è l’umiltà, la sua vera sorgente di bellezza, insieme al suo fascino attraente,  ma al tempo stesso puro. Un fascino che si sente. E’ arrivato vestito completamente di bianco, quasi confondendosi tra la folla, come se il palcoscenico e il grande schermo non fossero  il suo mondo, ma la gente  la sua vita. E’ arrivato in silenzio, timidamente, con un sorriso impacciato nascosto dalla folta barba e gli occhi bassi, lasciando un frastuono di emozioni,  che io stessa sento ancora che vive mentre scrivo. La sua è un’eleganza disarmante, che inibisce. Si muove in un certo modo, si siede in un certo modo. Anche il suo viso e le sue mani hanno un atteggiamento elegante nelle movenze, evidente anche quando risponde alla nostra umile domanda sulle sue sensazioni sulla partecipazione all’Ariano International Film Festival. Ha risposto con garbo, con classe.

E’ molto piacevole stare qua, l’atmosfera che si respira arrivando è già un’atmosfera di convivialità.  Si sta bene, ci si ritrova tra amici e fra persone che condividono gli stessi piaceri, le stesse passioni. E’ una cosa che ti fa sentire in famiglia.

Senza l’eleganza del cuore non c’è eleganza. E tu, Enrico, hai cuore. Conoscerti è stata una fortuna.

Leggi anche