Nel pomeriggio la visita ad Ariano Irpino del Ministro degli Esteri Luigi Di Maio. “Affidiamo i soldi del Recovery Fund agli amministratori giusti”

In una Piazza del Plebiscito particolarmente entusiasta, verso le 17.30 è arrivato ad Ariano Irpino il Ministro degli Esteri Luigi Di Maio. Con lui i deputati Generoso Maraia, Michele Gubitosa, il Sottosegretario Carlo Sibilia e il candidato Sindaco Enrico Franza.

 

L’esponente 5 stelle ha toccato vari argomenti tra i quali spiccava, ovviamente, il voto sul referendum del taglio dei parlamentari che si terrà domenica e lunedì.

Abbiamo un’opportunità storica, per la quale abbiamo lottato tanto. Bisogna tagliare il numero dei parlamentari. La Germania ha 700 parlamentari, la Francia 600, gli Stati Uniti 530. Noi ne abbiamo quasi 1000. Non è più accettabile. Gli italiani hanno fatto tanti sacrifici in questi anni, adesso facciamoli fare alla politica. Sapete chi dice no? Gli assenteisti, coloro che hanno il 99% dI assenze, coloro che si fanno eleggere con i gialli e poi passano ai neri, ai verdi, ai rossi. E infine i paracadutati, i residenti a Bolzano ma eletti a Palermo“.

 

E poi lancia la nuova sfida: “Voi domenica e lunedì’ votate sì e tagliamo i parlamentari. Da martedì andiamo da quelli che dicono no perchè è meglio tagliare gli stipendi e chiediamo loro di firmare la legge per tagliare anche gli stipendi“.

“IL PROBLEMA DI INDUSTRIA ITALIANA AUTOBUS L’ABBIAMO RISOLTO NOI GRAZIE ALL’ONOREVOLE MARAIA”

Di Maio si è espresso anche sui risultati raggiunti dal Movimento 5 Stelle in Irpinia in questi ultimi mesi, anche grazie al deputato Generoso Maraia: “Il problema di Industria Italiana Autobus l’ha dovuta risolvere Maraia, perchè si stava andando proprio nella direzione sbagliata e solo chi conosceva questo territorio ci ha messo sulla strada giusta per risolvere. Eppure qui c’erano personaggi leggendari della politica, ma evidentemente non avevano interesse nel farlo“.

Il ministro ha speso importanti parole anche sul candidato sindaco di Ariano Irpino, Enrico Franza, mettendo in evidenza la responsabilità che gli amministratori locali avranno nel gestire i soldi del Recovery Fund. “Qui avete un candidato sindaco che è un esempio di trasparenza, Enrico Franza. Il nostro augurio è quello poter vincere questa importante sfida. Noi scriveremo i progetti del Recovery Fund a Roma, ma a gestirli saranno i Comuni e le Regioni. Ciò che posso dirvi è che mai come in questo momento andando a votare domenica e lunedì voi deciderete a chi affidare i soldi della ricostruzione. Eleggetevi un sindaco che li spenda bene ed onestamente“.

 

Parole di sostegno anche verso il Premier, Giuseppe Conte: “Sono contento di aver scelto e dato a questo paese il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte durante la peggiore crisi che abbiamo avuto dal dopoguerra ad oggi e non quelli che vanno ad incendiare le mascherine dicendo che il virus non esiste“.

A fine intervento, Di Maio si è fermato a scattare alcuni selfie con i sostenitori presenti ed ha ricevuto un omaggio in ceramica direttamente dalla Maiolica Arianese Russo.

Leggi anche: Riapertura scuole, Fiordellisi (Cgil): “Poco impegno da parte di alcuni”