«Atripalda solidale», l’impegno del Comune per famiglie in difficoltà

0
Atripalda solidale

Domenica 23 dicembre, al centro servizi di Atripalda, arriva Babbo Natale: in cambio della letterina, ogni piccolo porterà un gioco da donare ai meno fortunati

Il Comune di Atripalda, nell’ambito delle iniziative relative al programma «Atripalda solidale», si è voluto impegnare privilegiando alcune attività in favore dei bambini, delle famiglie in difficoltà e della solidarietà in generale.

La manifestazione «Arriva Babbo Natale» del prossimo 23 dicembre è nata dalla sinergia fra l’assessorato alle Politiche Sociali, la Pro Loco e l’associazione «Cappellaio Matto» ed è un progetto molto ampio che coinvolge tutti i bambini. I piccoli, infatti, non solo si divertiranno con l’animazione appositamente creata per l’evento ma potranno consegnare la letterina a Babbo Natale, che li aspetterà dalle ore 10.00 in poi presso la struttura del Centro Servizi, sita in via San Lorenzo ad Atripalda.

I sogni e i desideri che ogni bambino racchiuderà nella letterina verranno accolti da Babbo Natale, che in cambio chiederà ad ognuno di loro di portare con sé un giocattolo da donare ad altri bambini. Verrà quindi allestito, in un angolo del villaggio appositamente creato per la manifestazione, un punto di raccolta dei giocattoli che verranno donati.Atripalda solidale

Per l’occasione funzionerà un servizio navetta che porterà i bambini dell’ex contrada Alvanite al luogo della manifestazione, perché l’intento è quello di coinvolgere davvero tutti i piccoli atripaldesi.

I bambini diventeranno quindi protagonisti di un’azione di solidarietà, che va ad aggiungersi a quella promossa dai servizi sociali in favore delle famiglie atripaldesi in difficoltà, le quali potranno usufruire di un voucher natalizio messo a disposizione dal Comune.

I bambini torneranno protagonisti il 5 gennaio, quando nei giardinetti di via Appia ad Atripalda ci sarà la Befana, che arriverà alle ore 10.00 e porterà a quanti parteciperanno una calza, coinvolgendoli in una scatenata animazione.

Leggi anche: «Museo solidale: valorizzazione del patrimonio e impegno sociale»