Avellino Calcio, Capuano: «La verità è che siamo deboli mentalmente»



0
Avellino Calcio

«Bisogna lavorare e arrivare a gennaio con quanti più punti possibili. La classifica è preoccupante» così l’allenatore dell’Avellino Calcio

Terza sconfitta consecutiva per l’Avellino Calcio che ieri sera, nel posticipo della 14ª giornata del campionato di Lega Pro (girone C), al «Partenio-Lombardi» ha rimediato la quinta sconfitta interna stagionale perdendo 2-0 contro il Potenza.

Queste le parole, a fine gara, del tecnico biancoverde Eziolino Capuano: «Non ho mai cercato alibi, nel calcio chi vince parla mentre chi perde sta zitto. Analizzando la partita, il risultato non è veritiero, il Potenza è una grossa squadra ma per mezz’ora non è uscita dall’area di rigore. Hanno cambiato anche sistema di gioco, perché avevano delle difficoltà e poi, dopo aver regalato i due gol, è normale diventi tutto difficile.

Nel secondo tempo ho cercato di cambiare totalmente struttura, adottando un sistema di gioco che non avevamo mai provato, per dare una scossa mentale. Non mi aggrappo agli episodi, ma c’era un rigore su Charpentier non dato. Alla fine conta il risultato e abbiamo perso.Avellino Calcio

Quando sono arrivato sapevo che sarebbe stata una missione difficilissima, ma ce la metteremo tutta per salvare questa squadra. Sono ancora più convinto, fiero e orgoglioso di aver fatto questa scelta – ha aggiunto il trainer dell’Avellino Calcio – Il cammino è lungo e tortuoso. Sono molto deluso, perché nei primi trenta minuti il Potenza è stato annichilito dall’Avellino Calcio. Il secondo gol che abbiamo subìto è stato un altro regalo, dettato dall’incapacità di saper gestire.

Bisogna lavorare e arrivare a gennaio con quanti più punti possibili. Siamo pochi numericamente, quindi qualcosa sul mercato va fatta. La classifica è preoccupante, ma non ci dobbiamo abbattere. La verità è che siamo deboli mentalmente, questo mi preoccupa di più» ha concluso Capuano, mister dell’Avellino Calcio.

Leggi anche