lunedì - 6 Luglio 2020

Coronavirus, altri 5 casi in Irpinia. Incubo nuovo focolaio

Sale vertiginosamente il numero dei cari di Coronavirus in Irpinia nella giornata di oggi. Altri 5 casi a Santa Lucia di Serino Dopo il caso...
More

    Avellino Calcio, 8 maggio 1988: l’ultima partita al «Partenio» in Serie A

    Ultime Notizie

    Coronavirus, altri 5 casi in Irpinia. Incubo nuovo focolaio

    Sale vertiginosamente il numero dei cari di Coronavirus in Irpinia nella giornata di oggi. Altri 5 casi a Santa Lucia di Serino Dopo il caso...

    Parco Manganelli riapre i cancelli, ancora tanti i lavori da fare

    Parco Manganelli riapre i cancelli dopo otto mesi dalla chiusura avvenuta lo scorso novembre per motivi di incolumità pubblica  Ad Avellino, finalmente il Parco Manganelli...

    Montella: il santuario del SS Salvatore riaperto dopo il restauro

    Sabato 27 giugno è stato riaperto il Santuario del SS Salvatore di Montella, emblema della fede dei cittadini. Ecco l'intervista alla restauratrice Margherita Gramaglia Montella...

    Coronavirus, un uomo di 69 anni positivo adesso è ricoverato al Moscati

    Un uomo di 69 anni risultato positivo al Coronavirus, è stato ricoverato presso l'ospedale Moscati di Avellino Aggiornamento - "Questa mattina, purtroppo, ci è arrivata...

    I Lupi sconfissero l’Empoli con un gol del centrocampista Fabrizio Di Mauro. Si tratta anche dell’ultima vittoria in massima divisione dell’Avellino Calcio

    Domenica 8 maggio 1988, esattamente 31 anni fa, l’Avellino Calcio sconfisse 1-0 l’Empoli, aritmeticamente già retrocesso, alla 29ª giornata (la penultima) del campionato di Serie A 1987-1988. Fu l’ultima partita giocata al «Partenio» in Serie A, nonché l’ultima vittoria in massima divisione.

    - Advertisement -

    La gara venne sbloccata al 47º da un gol di Fabrizio Di Mauro, subentrato al 26º al posto di Francesco Gazzaneo. L’ex mediano romano, che con i Lupi disputò soltanto quel torneo, dal limite dell’area lasciò partire un destro imprendibile che si infilò nel sette, bucando la porta difesa da Giulio Drago. Indelebili la sua esultanza liberatoria sotto la Curva Sud e l’intero stadio biancoverde che esplodeva di gioia.Avellino Calcio

    Dopo il triplice fischio, alcuni tifosi irpini invasero il campo di gioco per esporre l’indimenticabile striscione che recitava: “Tutti a Milano”. L’Avellino Calcio, infatti, la settimana successiva si giocava la permanenza in massima serie a «San Siro» contro l’Inter, ma sia i Lupi che i toscani retrocessero a fine stagione.Avellino Calcio

    Dopo dieci anni consecutivi e nove salvezze di fila in Serie A, quindi, la squadra dell’Avellino Calcio si classificò 15ª con 23 punti; con il minor numero di vittorie (cinque) e il peggior attacco del torneo (appena 19 reti), scese in Serie B per una sola lunghezza dal Pisa, che si salvò in extremis, nell’anno in cui le retrocessioni venivano portate da tre a due e proprio con l’Empoli che partiva con 5 punti di penalizzazione, in seguito a un illecito sportivo.

    CURIOSITÀ: Nella rosa di quell’Empoli figuravano, tra gli altri, Eusebio Di Francesco (ex giocatore e allenatore della Roma), Walter Mazzarri (ex allenatore del Napoli e dell’Inter, attuale tecnico del Torino), Corrado Urbano (trainer del Cassino, che il 7 ottobre scorso è tornato al «Partenio» per affrontare la neonata Calcio Avellino SSD) e l’attaccante Paolo Baldieri, che l’anno dopo venne acquistato proprio dall’Avellino Calcio (con la casacca biancoverde, in cadetteria, siglò 6 reti in 31 partite).

    Queste le formazioni che scesero in campo

    AVELLINO CALCIO: 1 Nicola Di Leo, 2 Giacomo Murelli, 3 Stefano Colantuono, 4 Mauro Boccafresca, 5 Roberto Amodio (vicecapitano), 6 Enzo Romano, 7 Alessandro Bertoni, 8 Paolo Benedetti, 9 Walter Schachner (dal 46º Nikos Anastopulos), 10 Franco Colomba (capitano), 11 Francesco Gazzaneo (dal 26º Fabrizio Di Mauro).

    In panchina: 12 Mariano Coccia, 15 Biagio Grasso, 16 Massimo Storgato.

    Allenatore: Eugenio Bersellini.Avellino Calcio

    EMPOLI: 1 Giulio Drago, 2 Claudio Vertova (capitano), 3 Luigino Pasciullo, 4 Luca Della Scala, 5 Settimio Lucci (dal 55º Johnny Ekström), 6 Ezio Gelain, 7 Francesco Zanoncelli, 8 Enrico Cucchi, 9 Paolo Baldieri, 10 Giuseppe Incocciati (dal 62º Massimiliano Benfari), 11 Corrado Urbano.

    In panchina: 12 Daniele Balli, 15 Walter Mazzarri, 16 Eusebio Di Francesco.

    Allenatore: Gaetano Salvemini.

    Arbitro: Rosario Lo Bello di Siracusa.

    Ammoniti: Boccafresca, Anastopulos (AV), Drago, Lucci, Cucchi (EM).

    Spettatori: 20.917.

    Leggi anche:

    Latest Posts

    Coronavirus, altri 5 casi in Irpinia. Incubo nuovo focolaio

    Sale vertiginosamente il numero dei cari di Coronavirus in Irpinia nella giornata di oggi. Altri 5 casi a Santa Lucia di Serino Dopo il caso...

    Parco Manganelli riapre i cancelli, ancora tanti i lavori da fare

    Parco Manganelli riapre i cancelli dopo otto mesi dalla chiusura avvenuta lo scorso novembre per motivi di incolumità pubblica  Ad Avellino, finalmente il Parco Manganelli...

    Montella: il santuario del SS Salvatore riaperto dopo il restauro

    Sabato 27 giugno è stato riaperto il Santuario del SS Salvatore di Montella, emblema della fede dei cittadini. Ecco l'intervista alla restauratrice Margherita Gramaglia Montella...

    Coronavirus, un uomo di 69 anni positivo adesso è ricoverato al Moscati

    Un uomo di 69 anni risultato positivo al Coronavirus, è stato ricoverato presso l'ospedale Moscati di Avellino Aggiornamento - "Questa mattina, purtroppo, ci è arrivata...