Latina-Avellino Calcio, ecco le pagelle. Matute e Tribuzzi i migliori in campo



0
Avellino Calcio

Il leone camerunense ha ringhiato su ogni pallone, l’esterno ha firmato il suo undicesimo centro stagionale. In affanno Alfageme. Questi i voti dei giocatori dell’Avellino Calcio

L’Avellino Calcio chiude con una vittoria, la decima di fila (la tredicesima nelle ultime quattordici partite), il girone G di Serie D. Gli 83 punti conquistati valgono ai biancoverdi la testa della classifica in concomitanza con il Lanusei: con i sardi, quindi, gli irpini giocheranno lo spareggio per accedere alla Lega Pro.

Al «Francioni» di Latina mister Giovanni Bucaro fa affidamento sulla coppia offensiva De Vena-Alfageme, con Sforzini (rallentato nel percorso di avvicinamento al match da un fastidio alla coscia) in panchina. A sbloccare il risultato è il bomber Alessandro De Vena, autore del suo 20º goal stagionale. Poco prima del fischio di metà tempo, sempre su una ripartenza, Alessio Tribuzzi gela Maltempi e fissa il risultato sul 2-0, che resterà immutato fino alla fine.Avellino Calcio

Ecco le pagelle dei Lupi:

DIFESA Avellino Calcio

Viscovo – 6: sufficienza di fiducia per il baby portiere dell’Avellino Calcio. Ci mette i guanti su un tiro di Fioretti al 17º, ma dopo due minuti sbaglia clamorosamente rinviando sui piedi di Manes con la porta praticamente sguarnita. Un’altra leggerezza, dopo le piccole incertezze delle ultime partite. Nella ripresa esce male su Veneziani, che insacca di testa, ma per fortuna l’assistente alza la bandierina per fuorigioco.

Betti – 6,5: svolge diligentemente il suo compito sulla fascia destra. Efficace in copertura, si rende spesso propositivo. Limita le folate sontuose di Atiagli e allontana ogni pallone.

Dionisi – 7: uno degli ex della gara. Nel primo tempo prova ad andare in rete con un colpo di testa e con un tentativo di mezza rovesciata, in entrambe le occasioni sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Nella ripresa va a vuoto su un cross avversario e perde di vista la marcatura di Veneziani su un corner. In ogni caso è una garanzia, sbarra la strada abbassando la saracinesca.

Morero – 6,5: si lascia scappare qualche marcatura (su un cross insidioso dopo 8 minuti di gioco e sul gol irregolare). Si fa ammonire alla mezz’ora del primo tempo per uno scontro verbale con Di Martino, un altro ex. Gestisce con esperienza e fermezza la retroguardia, sbrogliando di testa alcuni campanili.

Parisi – 6,5: macina chilometri sulla corsia esterna, soffre un po’ la vivacità di Galasso e in più di un’occasione non s’intende con Da Dalt. Impreciso in alcune circostanze, mentre in altre mette in pratica chiusure tempestive. Lotta e dà il suo proficuo contributo. Nella seconda frazione di gioco si fa superare da Merlonghi in diagonale e poco dopo sbaglia un passaggio che innesca una pericolosa ripartenza del Latina.

CENTROCAMPO Avellino Calcio

Tribuzzi – 8: guadagna punizioni preziose e recupera palloni, facendo rifiatare la squadra nei momenti di difficoltà. È suo l’assist a De Vena per l’1-0. Catechizzato da mister Cinelli, ruba palla e attacca lo spazio. Al 42º s’invola in solitaria e finalizza un bruciante contropiede, firmando così il suo undicesimo centro stagionale. Motorino inesauribile, si è dimostrato come sempre di categoria superiore.

Di Paolantonio – 7: il metronomo biancoverde scodella un’infinità di palle al centro, smista palloni allargando sulle fasce ed effettua aperture con il goniometro. Si incarica di quasi tutte le battute dei calci da fermo (dal 12º s.t. Gerbaudo – 6,5: a sorpresa non si concretizza il tandem con Matute. Il centrocampista scuola Juventus entra subito concentrato in partita, serve De Vena e recupera una palla persa da Parisi. Alla mezz’ora è protagonista di un’azione personale, quando fa fuori mezza squadra avversaria. Incisivo).

Matute – 8,5: il leone camerunense ringhia su ogni palla, fa suoi i palloni vaganti e non tira mai indietro la gamba, provando anche qualche bordata dalla distanza. Esegue tackle poco eleganti ma risolutivi, scucchiaia tentando anche l’impostazione (che non è il suo forte). Ha messo lo zampino in entrambi i gol: nel primo De Martino incespica sulla sfera, quindi Kelvin è lesto ad approfittarne e allarga per Tribuzzi, nel secondo avvia il contropiede vincente proprio con l’esterno. Il migliore in campo.

Da Dalt – 6: prestazione un po’ opaca, ma sempre generosa quella dell’ala argentina. Si concede qualche giocata leziosa (come il sombrero), proponendosi in profondità e garantendo un’adeguata copertura. Ingenuo quando rischia il giallo per qualche scintilla con il numero 10 pontino. Sul 2-0, sbaglia un passaggio nelle retrovie favorendo un’azione avversaria (dal 36º s.t. Ciotola – S.V.: Ciotolino, appena entrato, prova una conclusione che viene deviata e, nel finale, ottiene un corner prezioso che fa guadagnare secondi).Avellino Calcio

ATTACCO Avellino Calcio

Alfageme – 5,5: non è in condizione l’argentino, che è stato fermo per due settimane giocando uno spezzone di gara domenica scorsa. Spreca un paio di invitanti occasioni e spesso perde l’attimo buono per sterzare. Esita troppo sui palloni che gli capitano, non ha freschezza e sembra un po’ in affanno. In ombra, arretra per dare una mano ai compagni. Partita di certo non brillante, al di sotto delle sue potenzialità (dal 24º s.t. Sforzini – S.V.: altro ex dell’incontro. Da segnalare qualche torre per far salire la squadra e un tiro nel finale che si spegne sul fondo. A sua volta esce per un problema muscolare (dal 46º s.t. Buono – S.V.: pochissimi scampoli di gara per il mediano).

De Vena – 7: parte subito in pressing e dopo 5 minuti è suo il primo tiro in porta dell’Avellino Calcio, con una conclusione dalla distanza. Autore della rete del vantaggio, mette a segno la 20ª marcatura stagionale e festeggia con tutta la panchina biancoverde. Nella ripresa cala un po’, specialmente in una ripartenza quando è troppo precipitoso sbagliando un lancio che poteva dosare meglio.

Leggi anche