Avellino Calcio, Santiago Morero: «Chiedo scusa a tutti i tifosi»



0
Avellino Calcio

«Già dalla prossima partita dobbiamo cercare di voltare pagina, speriamo che arrivi qualche giocatore» ha dichiarato il capitano dell’Avellino Calcio

Il capitano dell’Avellino Calcio, Santiago Morero, ci ha messo la faccia dopo la batosta subita contro il Catania, presentandosi in sala stampa dopo mister Giovanni Ignoffo.

Queste le parole del difensore argentino: «Prima di tutto vorrei chiedere scusa ai tifosi e a chi stava allo stadio, non fa mai piacere prendere tanti gol. Si sono viste le differenze tra le due squadre, loro sono andati subito in vantaggio e quello ci ha penalizzato anche perché non avevamo benzina nelle gambe. Il Catania è una squadra fortissima, tra le più attrezzate per vincere il campionato, aveva un altro passo rispetto a noi. Abbiamo cercato di compattarci ma purtroppo è andata così, dobbiamo cercare la condizione migliore senza trovare alibi.

Non siamo stati in grado di contrastarli soprattutto sugli esterni, per agguantare il pari ci siamo allungati e abbiamo lasciato troppi spazi – ha aggiunto Morero – A fine partita, i ragazzi erano tutti un po’ giù, sicuramente volevamo fare un’altra figura, quindi ho cercato di alzare il morale.Avellino Calcio

Già dalla prossima partita dobbiamo cercare di voltare pagina (l’Avellino Calcio giocherà a Vibo Valentia, ndr). Speriamo che arrivi qualche giocatore, abbiamo soltanto due attaccanti ed è impensabile fare un campionato con due punte; mi fido del direttore, sta cercando delle soluzioni ma purtroppo sapete i problemi che ci sono.

Dobbiamo trovare la forma per fare punti a tutti i costi, non dobbiamo aspettare il “salvatore della patria”. Chiedo scusa a tutta la gente di Avellino – ha ribadito il capitano dei Lupi – Per quanto riguarda i tesseramenti di Karic, De Marco e Illanes non ci dovrebbero essere problemi, in settimana si potrebbe risolvere la situazione».

Intanto, la squadra riprenderà gli allenamenti martedì 27 agosto alle ore 17.30.

Leggi anche