In campo era presente anche Santiago Morero. Il capitano dell’Avellino Calcio, fresco di rinnovo, nella mattinata di ieri ha tenuto una conferenza

Sesta seduta pomeridiana di allenamento ieri pomeriggio per la squadra dell’Avellino Calcio, impegnata nel ritiro precampionato iniziato lo scorso sabato 3 agosto. Nonostante il clima torrido, i Lupi guidati dai mister Giovanni Ignoffo e Daniele Cinelli hanno svolto la preparazione davanti a circa un centinaio di persone, tra cui Franco Iannuzzi, uno dei maggiori esponenti della Curva Sud.

In campo era presente anche Santiago Morero. Il difensore argentino, fresco di rinnovo, nella mattinata di ieri ha tenuto una conferenza, la prima di questo insolito ritiro che si sta svolgendo sul manto erboso del «Partenio-Lombardi».

«Non credo che i tifosi si allontaneranno proprio adesso. Era il mio desiderio ritornare ad Avellino, una piazza sempre affascinante nonostante i problemi della società» così il capitano dei Lupi in sala stampa.Avellino Calcio

A bordo campo ha fatto capolino Federico Andrenacci, procuratore di Alessandro Di Paolantonio. Finalmente, dopo due mesi di attesa, il centrocampista teramano ha trovato l’intesa con la società biancoverde per continuare l’avventura con la maglia dell’Avellino Calcio. Il metronomo, sotto gli occhi vigili del preparatore atletico Giuseppe Di Mauro, ha svolto lavoro differenziato facendo una corsa sulla pista atletica.

Nell’allenamento, che si è concluso con la classica partitella in famiglia a campo ridotto, si è reso protagonista il nuovo portiere Alessio Abibi. L’estremo difensore italo-albanese potrebbe contendersi una maglia da titolare con Mario Landi, originario di Mercogliano, che è tuttora in prova e non è stato ancora tesserato.

Oggi, infine, dovrebbe aggregarsi al gruppo Duilio Evangelista, che nell’ultima stagione ha giocato a Matera. Il trequartista, nativo proprio del capoluogo irpino, all’occorrenza può giocare anche come seconda punta. Classe ’95, cresciuto nelle giovanili dell’Avellino Calcio, la scorsa estate era stato scartato, senza non poche polemiche (leggi qui), dall’allora tecnico dei Lupi, Archimede Graziani. Il suo piede sinistro, dunque, potrebbe tornare utile alla causa biancoverde.