Avellino Calcio, striscione della Curva: «De Cesare e Mauriello andate via»



0
Avellino Calcio

Nella tarda serata di ieri, ai cancelli dello stadio «Partenio-Lombardi», la Curva Sud dell’Avellino Calcio ha affisso tre striscioni, di cui uno dedicato al tecnico Sinisa Mihajlovic

«De Cesare e Mauriello saranno contestati da oggi fino alla fine dei loro giorni se dovessero restare in questa città». Detto, fatto. Nella tarda serata di ieri, infatti, ai cancelli dello stadio «Partenio-Lombardi» la Curva Sud dell’Avellino Calcio ha affisso tre striscioni.

Il primo, indirizzato alla società biancoverde, recitava questa scritta: «Nessuna fiducia verso questa società che gestisce le squadre della città… De Cesare e Mauriello andate via!».

Sul secondo striscione, invece, campeggiava questa frase: «Nessun interesse, nessun condizionamento. Mai un passo indietro, liberi come il vento!».Avellino Calcio

L’ultimo, «Forza Sinisa!», posto proprio all’ingresso della Curva Sud, era un messaggio di incoraggiamento all’allenatore del Bologna, Sinisa Mihajlovic, che pochi giorni fa in una conferenza stampa ha rivelato di aver contratto una forma acuta di leucemia.Avellino Calcio

Nella mattinata di ieri, il tifo organizzato biancoverde aveva anche diffuso un comunicato stampa. Questi i punti salienti:

«Comunichiamo ai signori De Cesare e Mauriello che saranno contestati fino alla fine dei loro giorni, anche se il Tribunale o la situazione attuale dovesse costringerli a restare temporaneamente al timone della società. Riteniamo blasfema questa gestione della situazione: le chiacchiere, le bugie, il giocare a nascondino per mesi mostrano un volto di questa società intollerabile. Crediamo di avere il diritto di sapere cosa accade intorno all’Avellino e capire anche chi vuole solo farsi pubblicità dietro la nostra squadra o chi intende speculare sulla nostra passione. Siamo certi che il sindaco Festa non tradirà le nostre richieste e vigilerà, oltre che sulle trattative, anche sulla cessione della società, spingendo che la stessa venga affidata in mani sicure e ad imprenditori affidabili e con voglia di investire».

Leggi anche