Avellino Calcio, 23 novembre 1980: vittoria sull’Ascoli prima del terremoto



0

Dopo la vittoria dell’Avellino Calcio sui marchigiani, alle 19.34 una violenta scossa devastò l’Irpinia, causando migliaia di morti, feriti e sfollati

Domenica 23 novembre 1980, esattamente 38 anni fa, all’8ª giornata del campionato di Serie A 1980-1981, l’Avellino Calcio sconfisse 4-2 l’Ascoli, allo stadio «Partenio».

Dopo la vittoria sui marchigiani, in una sera insolitamente mite, alle 19.34 una violenta scossa di terremoto devastò l’Irpinia, causando migliaia di morti, feriti e sfollati, cambiando per sempre il volto di Avellino e della sua provincia.Avellino Calcio

Questi i gol della partita:

11º: Giovannone scende su passaggio di Piga e crossa teso, Scorsa ci mette un piede e spiazza il proprio portiere con un’autorete. 1-0 per i Lupi.

23º: pareggio dell’Ascoli. Dalla bandierina Moro, si alza Trevisanello e di testa batte Tacconi.

34º: l’Avellino Calcio torna in vantaggio. C’è un rinvio difettoso su Ugolotti, Juary ne approfitta, si sposta sulla sinistra e calcia, Perico tocca e devìa la palla mentre la stessa supera la linea bianca.

Il 3-1 arriva a pochi secondi dall’inizio della ripresa: pallone a parabola verso il centro, i difensori bianconeri sbagliano gli interventi cosicché Ugolotti, dopo un rapido scambio con Juary, manda in rete.

L’Ascoli, che non molla, al 18º si riporta sotto: punizione battuta da Moro che pesca Trevisanello in area, passaggio a Scanziani, che fa partire un destro violento e imprendibile.

Il quarto gol dei biancoverdi nasce da una respinta di Tacconi: il pallone giunge a Valente che avanza e dà a Repetto, lancio per il brasiliano Juary, il quale sta per scavalcare Muraro quando questi lo aggancia e lo atterra. È il 36º. Incaricato della trasformazione è Ugolotti, che non fallisce il bersaglio e mette a segno la sua doppietta.

Nonostante il vantaggio, l’Avellino Calcio continua ad attaccare e conclude con un assoluto dominio del gioco.

Queste le formazioni che scesero in campo:

AVELLINO CALCIO: Stefano Tacconi, Paolo Beruatto, Sergio Giovannone, Pellegrino Valente, Cesare Cattaneo, Salvatore Di Somma, Mario Piga, Giorgio Repetto, Guido Ugolotti, Beniamino Vignola (dal 22º s.t. Giuseppe Stasio), Jorge Juary.

In panchina: Nicola Di Leo, Franco Ipsaro Passione, Bruno Limido, Giuseppe Massa.

Allenatore: Luís Vinício.Avellino Calcio

ASCOLI: Luigi Muraro, Donato Anzivino, Gilberto Mancini, Eugenio Perico, Angiolino Gasparini, Francesco Scorsa, Fortunato Torrisi (dal 22º s.t. Hubert Pircher), Adelio Moro, Carlo Trevisanello, Alessandro Scanziani, Gianfranco Bellotto (dal 29º s.t. Silvio Paolucci).

In panchina: Felice Pulici, Simone Boldini, Dario Bellomo.

Allenatore: Giovan Battista Fabbri.

Arbitro: Vittorio Benedetti di Roma.Avellino Calcio

Leggi anche: «Terremoto dell’Irpinia del 1980, la poetica storia di Vincenzo» e «VIDEO – Speciale Terremoto dell’Irpinia del 1980, ecco il primo trailer»

Leggi anche