Avellino Calcio, Zullo: «Contro il Picerno non sarà una partita semplice»



0
Avellino Calcio

«I rossoblu sono partiti molto bene. La loro arma migliore è l’intensità, hanno gamba e interpreti giusti» così il difensore dell’Avellino Calcio, Zullo

Stamattina, presso la sala stampa «Angelo Scalpati» dello stadio «Partenio-Lombardi», il difensore centrale dell’Avellino Calcio, Walter Zullo, ha tenuto la consueta conferenza infrasettimanale in vista della prossima trasferta, in programma in Basilicata domenica alle ore 17.30.

Queste le sue parole: «La vicinanza del pubblico è sicuramente un’arma in più, ma non avevo dubbi perché ho avuto la fortuna di essere già in questa piazza (nella stagione 2012-2013, ndr) e questo è un punto di forza dal quale partire. Nel 2013, infatti, sono stati 6 mesi bellissimi, coronati con la vittoria del campionato.

Innanzitutto per me sono passati ben 18 mesi dall’ultima partita ufficiale, dove ho avuto un infortunio abbastanza grave – ha aggiunto Zullo – quindi volevo ringraziare soprattutto la proprietà, che mi ha dato l’opportunità di poter far parte del gruppo da gennaio scorso, e poi ovviamente anche lo staff tecnico precedente; in particolare mister Cinelli, il prof. La Porta e il dott. Esposito, i quali mi hanno dato veramente una grossa mano perché a me effettivamente mancava il gruppo e qui ho avuto la possibilità di prendere confidenza con il gruppo e con la palla.

Per me è un’opportunità importante, nonostante cominci a non essere più giovane, però dopo un’inattività così lunga ci tenevo a rimettermi in discussione e farlo in questa piazza per me è motivo di orgoglio. Con la professionalità che c’è qui, conto di migliorare ancora e di cercare di dare una mano alla causa perché c’è un gruppo di ragazzi davvero eccezionale, con una predisposizione al lavoro importante».Avellino Calcio

Queste le altre dichiarazioni salienti dello stopper dell’Avellino Calcio, Walter Zullo:

ASSETTO DIFENSIVO – «Credo di poter dare un contributo sia con la difesa a 4 che a 5».

ESORDIO – «Siamo consapevoli che contro il Catania siamo stati un po’ timorosi e con alcune squadre questo atteggiamento lo paghi, perché ci è mancato il coraggio. La prima in casa forse l’abbiamo avvertita un po’ di più, dopo una partita del genere potevamo uscire con le ossa rotte, poteva essere un duro contraccolpo ma la reazione che abbiamo subito avuto a Vibo è stata la risposta più importante, quindi siamo ripartiti secondo il nostro credo di gioco».

PROSSIMO AVVERSARIO – «Il Picerno è una neopromossa, sono partiti molto bene. La loro arma migliore è l’intensità, hanno gamba e interpreti giusti. Sicuramente non sarà una partita semplice, anzi credo che ci saranno difficoltà elevate».

CALCI PIAZZATI – «Mi piace calciare le punizioni, sarebbe un’arma in più. Comunque noi dobbiamo cercare di portare più frecce nel nostro arco, con mister Ignoffo le proviamo in settimana, quindi speriamo di usufruire anche di questa possibilità».

Leggi anche