Avellino, i candidati sindaci contro le discriminazioni di genere

0
avellino

I candidati sindaci di Avellino hanno incontrato l’associazione Apple Pie: l’amore merita LGBT+, importanti momenti di confronto e possibilità di crescita per tutta la cittadinanza

Incontro di grande crescita quello che si è tenuto ieri sera nella sede dell’associazione Apple Pie: l’amore merita LGBT+. I candidati sindaci di Avellino sono stati invitati a conoscere l’associazione e a prendere l’impegno di sostenere le iniziative a favore della diffusione della cultura del rispetto.

Hanno risposto alla chiamata dell’associazione i candidati: Luca Cipriano, Gianluca Festa, Massimo Passaro e Amalio Santoro.

Ad aprire la serata la Presidenta dell’associazione Immacolata Mara Festa, che ha illustrato il lavoro svolto fin ora attraverso eventi, incontri, dibattiti di informazione finalizzati a sensibilizzare il territorio sulle tematiche riguardanti le discriminazioni sessuali e di genere.

Festa ha sottolineato inoltre, la problematica sorta riguardo la decisione di organizzare l’Abellinum Pride ad Atripalda, scegliere quindi un territorio diverso dal capoluogo irpino. Punto cruciale di questa decisione è stato proprio la mancanza di un’istituzione con cui interfacciare, un ente che fosse attento alle tematiche e mostrasse collaborazione.

“È solo dall’incontro e dallo scambio reciproco che possono nascere opportunità di crescita. Per valorizzare il nostro territorio è necessario fare rete e lavorare sull’incontro autentico con l’altro”. – ha concluso la Presidenta.

Proprio per questo, ai candidati è stato consegnato un documento di impegno alla lotta contro le discriminazioni e la violenza di genere. Tale documento rappresenta un’importante responsabilità verso la cittadinanza, tutti i candidati si sono detti propensi e favorevoli a firmarlo.

La serata è stata un’occasione di confronto tra i partecipanti e i candidati. Nella Giornata contro l’omobitransfobia, il vicepresidente Antonio De Padova ha sollevato la questione riguardo un grave episodio di omofobia accaduto il 25 aprile in pieno centro. I candidati si sono espressi riguardo temi di sicurezza della emersione delle realtà lgbt+, laddove quest’ultima rimane nascosta. Da qui  una discussione sulla necessità di dover intraprendere un lavoro di informazione e sensibilizzazione su tematiche trasversali che hanno a che fare con la relazione con l’altro.

avellino

Nella lotta alle discriminazioni è di fondamentale importanza partire dal basso. Bisognerebbe formare il personale delle istituzioni che si interfacciano ai cittadini. E in linea generale, educare tutta la cittadinanza ad una cultura del rispetto, che sappia liberarsi da quel patriarcato che percepisce la società su un modello prettamente maschile e dominante.

Un altro importante punto della serata è stata la trascrizione degli atti di matrimonio e nascita di coppie omogenitoriali. Tanti i casi in Italia di sindaci che si sono opposti all’attuale governo italiano, rispettando la legislazione Europea.

Un incontro di grande apertura e intenzione al confronto. Quattro su sette i candidati presenti.

“A prescindere da come andrà a finire la campagna elettorale, siamo stati contenti di aver avuto questi ospiti che hanno visto con i loro occhi dove siamo e il lavoro che stiamo facendo per la comunità di Avellino”.