Avellino, concorso Asl selezione del primario dichiarata illegittima

coronavirus - ariano irpino
Ospedale Frangipane Ariano Irpino

Avellino, concorso: il tribunale annulla la selezione del primario di chirurgia poiché  l’assegnazione del punteggio è stata dichiarata dal giudice del lavoro in contrasto con i principi di buona fede e correttezza

Il tribunale di Benevento ha dichiarato illegittima la selezione del primario di chirurgia generale dell’Ospedale di Ariano Irpino indetta dalla Asl di Avellino nel 2018, accogliendo il ricorso presentato da uno dei candidati non selezionato, già primario facente funzioni di quel reparto, Carmine Grasso.

La nomina del nuovo primario è avvenuta in via fiduciaria da parte del Direttore Generale dall’Azienda Sanitaria Locale di Avellino, Maria Morgante, sulla base del punteggio attribuito da una commissione di dirigenti su una rosa di tre candidati. Ma proprio l’assegnazione del punteggio è stata dichiarata dal giudice del lavoro “in contrasto con i principi di buona fede e correttezza“. Questo quanto riporta Tpi (fonte).

Riconoscere un maggior punteggio con riferimento a titoli palesemente inferiori rispetto a quelli vantati da altro candidato o attribuire il punteggio pari a zero anche in presenza di titoli senza alcuna valida argomentazione, costituisce comportamento illegittimo, anche in assenza di una procedura concorsuale, quando, come nella specie, ha determinato la nomina all’incarico dell’idoneo con maggior punteggio, si legge nella sentenza del Tribunale pubblicata ieri, lunedì 28 settembre. L’attribuzione ingiustificata di maggiori punteggi ad un candidato, pur nell’ambito di una rosa di candidati tutti dichiarati idonei, determina un’evidente alterazione nel rapporto fra i vari candidati, che produce come diretta conseguenza una situazione di oggettivo vantaggio per tale candidato, che può essere nominato senza bisogno di specifica motivazione. Tale condizione impone, in capo alla Commissione, il dovere di attribuire correttamente tali punteggi.

Infatti, è stato rilevato dal tribunale di Benevento dopo il ricorso di Grasso, i punteggi assegnati ai candidati, sulla base dei quali il Direttore Generale ha affidato l’incarico, non corrispondevano al curriculum, ai titoli e alla reale esperienza dei candidati, con il primario facente funzioni sfavorito rispetto alla figura selezionata nonostante vantasse più anni di esperienza all’interno dello stesso reparto e in reparti di chirurgia “simili”.
Aveva un numero maggiore di partecipazioni a convegni e di pubblicazioni e una corposa casistica riportata nel curriculum, che il candidato prescelto, invece, non aveva presentato. Ma a quest’ultimo è stato attribuito un punteggio sempre maggiore per ognuno dei requisiti richiesti. Il tribunale pertanto
concorsuale tanto ha disposto che la procedura  venga effettuata una seconda volta e i punteggi ricalcolati, mentre Grasso chiederà il risarcimento dei danni.

Continua su Avellino Zon 

Letture Consigliate
Articolo precedenteMontoro, un nuovo positivo al Coronavirus
Prossimo articoloMontella, nuovi casi di Coronavirus. Scuole chiuse fino al 14 ottobre
Avatar
Marika Cifiello nasce ad Avellino nel 1980, dove consegue il diploma magistrale con abilitazione all'insegnamento nelle scuole infanzia e primaria. Da sempre interessata alla lettura e alla psicologia, è impegnata nel sociale, aiutando i ragazzi in un centro autismo della provincia avellinese.La passione per il giornalismo d'inchiesta la spinge verso le prime esperienze in una emittente televisiva locale. Istintivamente attratta dalle notizie di stretta attualità, coniuga la capacità di reperire notizie in prima persona a una naturale predisposizione e sensibilità che, negli anni, le ha permesso di vivere attivamente alcuni dei fatti più eclatanti rimasti impressi nel territorio irpino.