Nella giornata di oggi si è svolta presso il Circolo della Stampa la conferenza stampa sulla Giornata Europea della Giustizia Civile, presente anche il Presidente del Tribunale di Avellino

Conferenza stampa oggi ad Avellino in occasione della Giornata Europea della Giustizia Civile, presente anche il presidente del Tribunale di Avellino Vincenzo Beatrice, che in sede ha fornito i dati relativi all’andamento di questo particolare settore della giustizia, smaltimento e arretrati.

Abell
smart

Così il Presidente del Tribunale di Avellino dice durante la conferenza stampa: “Noi assorbiamo soltanto una parte della Provincia di Avellino, un circondario che copre questa zona su tutti i procedimenti. Nel settembre del 2013 poi c’è stato un accorpamento con l’alta provincia Irpina, e proprio in quell’anno è iniziato nella giustizia civile un circuito virtuoso che ha condotto a dei buoni risultati. L’obiettivo è quello di ridurre drasticamente i tempi di svolgimento dei procedimenti.

Attraverso l’ottenimento di questo risultato, vuol dire che passa il recupero dell’immagine della Giustizia Civile “.

Erano 13.400  i procedimenti al 1°gennaio 2014, oggi sono 9200 al 30 giugno 2019,con una riduzione del 31%. Questi risultati coronano sforzi di molti anni di lavoro. La Giustizia Civile è nell’interesse di tutti i cittadini, i due terzi dei quali produce al sistema un enorme carico. Per questo, le controversie determinano ritardi. L’intero carico della Giustizia Civile dal quale pendono presso il tribunale di Avellino sono circa 22mila procedimenti, di cui 9mila sono di carattere ordinario, mentre poco più di 2mila sul lavoro previdenziale.

Uno degli obiettivi primari è la riduzione dei procedimenti ultra triennali.

Infatti, si sta lavorando proprio per accorciare i tempi dei procedimenti, lavoro non semplice, perché nell’ambito degli stessi procedimenti ve ne sono alcuni che hanno una corsia preferenziale, che mai vanno a superare l’anno. Sono quelli in materia familiare, sfratti, di alimenti, catastali. Infatti il CSM impone che l’oggetto del procedimento è importante per la priorità del procedimento stesso.

Altri settori hanno diminuito i loro dati  come il settore Fallimentare da 894 ad 897, settore Esecuzione ammobiliate da 1442 a 1127, Esecuzione Mobiliare da 2010 a 1656 con un 17,61% in meno.

Il presidente Beatrice auspica di poter migliorare anche l’organico dei Giudici di Pace, che negli anni si sono ridotti da 12 a 6, di cui due sono assegnati al Penale e quattro sono assegnati al Civile.

E dice che non è esclude che all’inizio del nuovo anno non possa chiedere un aiuto per risolvere questo problema. Quello che ci aiuta afferma il Presidente, sono i risultati che stiamo ottenendo che devono darci la spinta a migliorarci sempre di più.

Leggi anche: Sant’Angelo dei Lombardi: Franco Roberti a sostegno della riapertura dei piccoli tribunali