Avellino, Consiglio comunale tra nuovi assessori, interrogazioni e immigrati



0
consiglio comunale avellino

Il Consiglio comunale di Avellino di oggi ha portato in campo varie argomentazioni tra cui la nomina dei nuovi assessori della Giunta Foti: Anna Carbone, Elena Tordela e Augusto Penna, le varie interrogazioni dell’opposizione e il problema immigrati

Arriva l’esordio per i nuovi assessori della Giunta Foti nella seduta di questa sera del Consiglio comunale i cui lavori sono cominciati con tutta una serie di interrogazioni e quasi tutte incentrate su problematiche inerenti il vivere quotidiano. Non sono mancate da parte dei consiglieri di opposizione delucidazioni  sull’Attività Amministrativa e sullo stato dell’arte di tante questioni: dall’area vasta alla viabilità, dalla gestione dei beni pubblici alla vicenda del Teatro Gesualdo, dai cantieri alla raccolta differenziata, dal trasferimento provvisorio del terminal dei bus alla legittimità della nomina del Comandante della Polizia Municipale Arvonio.

Prima di passare alla discussione degli argomenti all’ordine del giorno del Consiglio comunale ha preso la parola il Sindaco Paolo Foti che, nel presentare al Consiglio e alla città i tre Assessori Anna Carbone al Contenzioso, Elena Tordela al Patrimonio e Augusto Penna all’Ambiente, ha sottolineato che con “la loro nomina la giunta comunale di Avellino si completa di professionisti dipaolo-foti indubbio spessore che sapranno certamente dare un contributo concreto al raggiungimento degli obbiettivi programmatici nei due anni e mezzo rimanenti di questa Amministrazione”. “Abbiamo – ha proseguito il Primo cittadino – la responsabilità di governo che i cittadini ci hanno affidato e tocca a noi amministratori, ciascuno per le proprie competenze, contribuire alle questioni ancora aperte nel Capoluogo. La strada maestra, ne resto convinto, non può che essere quella del dialogo, soprattutto in questo momento, utilizzando al massimo di efficienza il confronto democratico e coinvolgendo sempre più i cittadini nelle scelte dell’Amministrazione. Resto pertanto aperto al dialogo ma mi auguro che si arrivi ad un confronto programmatico serio sui problemi di Avellino, così come intende fare il gruppo consiliare del Partito Democratico attraverso un’iniziativa pubblica. Questo coinvolgimento – conclude il Sindaco Foti – dovrà alimentarsi attraverso un dialogo continuo con i consiglieri, al quale io personalmente non mi sottrarrò. La stagione degli sgambetti, delle ipocrisie, delle falsità deve finire. Apriamo insieme un nuovo corso fondato sul rispetto reciproco, sul confronto di idee e sulla soluzione concreta dei problemi. Auspico, pertanto, un confronto franco e costruttivo con gli stessi gruppi di opposizione pur nella distinzione dei ruoli e delle responsabilità”.

A seguire il Consiglio comunale ha approvato alla unanimità  le due mozioni presentate dai consiglieri di Arace-Giordano inerenti rispettivamente “Misure di contrasto agli atteggiamenti antidemocratici e discriminatori di matrice neofascista, razzista e omofoba sul territorio avellinese” e “Misure a sostegno dell’applicazione dell’Art-Bonus per la Città di Avellino”. Per stare alla prima mozione il Sindaco Foti rispetto alla questione dei migranti ha evidenziato che “il Comune di Avellino non si è reso né impotente né indisponibile, tant’è che su sua richiesta incontrerà il Prefetto per una valutazione preventiva e per rassegnare la disponibilità dell’accoglienza di queste persone nel capoluogo irpino e l’individuazione di una struttura dove ospitarli.

Leggi anche