Avellino, Contrada Archi: due anziani derubati mentre guardano la tv



0
ariano irpino

Ancora un furto in una villetta ai danni di una coppia di anziani, questa volta nel quartiere Archi di Avellino

Contrada Archi di Avellino nel tempo è stata spesso oggetto di cronaca proprio a causa della collezione di furti perpetrati in zona e anche quest’ennesima volta si ritorna a parlare di reati contro il patrimonio. L’abitazione presa di mira in tale circostanza è una villa a due piani saccheggiata al piano superiore mentre la coppia di anziani era intenta a guardare la televisione.


Tutto ciò è accaduto ieri e si sospetta che ad aver partecipato alla messa in pratica del fatto, possano essere due o tre persone, ma questo è ancora da mettere in chiaro perché i malviventi dopo essersi introdotti furtivamente in casa, con i proprietari presenti nell’ambiente inferiore, si sono dati alla fuga senza problemi.

Ad essersi poi accorto di ciò che si era verificato in casa è stato il proprietario, che recandosi negli ambienti sovrastanti, si è trovato davanti agli occhi una confusione e un disordine che lo hanno portato a capire cosa fosse avvenuto. Recuperata la lucidità, in seguito al trauma, ha dato l’allarme contattando i Carabinieri di Avellino che si sono subito recati sul posto per le dovute constatazioni e stanno indagando.

Avellino
Sono stati portati via diversi oggetti ed è ancora da acclarare l’inventario con l’annesso valore del materiale sottratto alla coppia di pensionati.

Gli anziani rappresentano il target più ambito dai saccheggiatori di appartamenti a causa dell’abbassamento dell’udito, ad esempio, così loro possono agire indisturbati spostandosi da una stanza all’altra senza destare sospetti di rumori che possano richiamare l’attenzione dei padroni di casa.

Un altro motivo per cui pare sia più semplice ripulire le dimore dei cari vecchietti è poiché magari si spera di trovare un bel malloppo conservato in qualche nascondiglio da scovare. I malintenzionati, inoltre, che violano il domicilio s’introducono silenziosi e compiono il colpo, ma senza preoccuparsi eccessivamente di essere scoperti in quanto puntano sulla debolezza fisica dei soggetti vittime dell’estorsione.

Si racconta, quotidianamente, di anziani signori addirittura maltrattati,legati e picchiati purché i ladri possono continuare ad agire e completare l’operazione pianificata. Alcune volte, questi delinquenti, assaltano abitazioni in cui capita che ci viva una sola persona che non può far altro che subire senza aver possibilità di difesa e se il poveretto non è fornito di contanti e quindi il bottino è piuttosto magro, beh bisogna sempre sperare che non sfoghino la loro rabbia sui malcapitati.


Certo, è da precisare che ormai nessuna categoria fa “paura” ai disonesti, che si parli di anziani, di bambini o donne. Non c’è nulla che possa generare l’ombra di uno scrupolo, agiscono senza pietà, calpestando le vite della gente che risiede in quegli appartamenti e a cui viene tolta la possibilità di sentirsi sereni tra le mura di casa.

I farabutti del genere sono maggiormente invogliati dall’infrangere la legge perché non hanno preoccupazioni rilevanti sulle conseguenze che la giustizia può scagliare su di loro. Alla meno peggio, nel caso vengano colti in flagranza di reato, sconteranno “un poco” di giorni in carcere che fra diminuzioni e buona condotta si ridurranno ai minimi termini. Nel frattempo, i derubati di turno, hanno perso tutto o quasi. Gli oggetti si potranno sempre ricomprare e non senza sacrifici, però i turbamenti sono difficili da superare. Chi li risarcisce?

Risaputa, ad oltranza, è la condizione di C/da Archi ad Avellino che risulta essere stremata da questa sfilza di rapine che si sussegue con brevi pause e vi è il timore che avvicinandosi al periodo natalizio ci possa essere un nuovo boom di furti presso le villette.

Leggi anche