Avellino, denunciato il titolare di un negozio cinese



0
avellino, valle caudina

Nel controllo da parte dei Carabinieri della Compagnia di Avellino agli esercizi commerciali è stato denunciato il titolare di una negozio cinese 

Nell’ambito dei servizi predisposti dal Comando Provinciale di Avellino, i Carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro, unitamente ai colleghi della Compagnia di Avellino, hanno proceduto ad ispezionare svariati attività commerciali ed esercizi pubblici, riscontrando irregolarità che hanno portato al deferimento di un 30enne di origini asiatiche alla competente Autorità Giudiziaria.

Nello specifico, l’accesso ispettivo effettuato dai Carabinieri del N.I.L. ad un’attività commerciale del capoluogo irpino, di cui il predetto risulta esserne titolare, permetteva di appurare l’esistenza di un impianto di videosorveglianza in assenza dell’autorizzazione per l’installazione ed il relativo l’utilizzo, rilasciata dall’Ispettorato Territoriale del Lavoro di Avellino previa presentazione di apposita istanza.avellino

Alla luce delle evidenze emerse, a carico del 30enne, oltre alla denuncia in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino per il reato di cui all’articolo 4 della legge 300/1970, sono state elevate sanzioni per più di 1.500 euro.

Meno di un anno fa presso alcuni negozi di Baiano, Lauro, Monteforte Irpino e Montoro, i militari dell’Aliquota Radiomobile e delle rispettive Stazioni hanno rilevato irregolarità connesse con la detenzione e la rivendita di vari prodotti privi del marchio di conformità o riportanti il marchio “C E” (che dev’essere riportato su ogni confezione) con uno spazio minore fra le due lettere, dandogli un diverso significato ovvero “China Export”.

Più di 1500 prodotti (principalmente giocattoli per bambini, accessori elettrici e capi di abbigliamento) sono stati sottoposti a sequestro, per un valore complessivo di circa 20mila euro, ritenuti non conformi ai requisiti di sicurezza previsti dalle norme vigenti.

leggi anche: Prodotti cinesi, scoperte più di 1500 confezioni contraffatte in Irpinia

Leggi anche