Il vicepremier Luigi Di Maio dal palco per la chiusura della campagna elettorale di Avellino lancia il monito per una Città a cinque stelle

Nella giornata di chiusura della campagna elettorale del Movimento 5 Stelle in Via Matteotti ad Avellino anche il capo politico Luigi Di Maio, che ha espresso la vicinanza ai lavoratori di Ipercoop, Irisbus e tanti altri.

Illustrando quello che il “governo del cambiamento” ha intenzione di attuare per l’immediato futuro, soprattutto per quanto riguarda il suo ministero del Lavoro e dello Sviluppo Economico.

“Oltre a quello che faremo al governo, – ha affermato Di Maio – voi avrete una grande occasione domenica per le comunali, perché Avellino può avere con un sindaco cinque stelle, un sindaco che ha dalla sua parte il governo centrale italiano, che non è una cosa da poco”.avellino

Ha lanciato l’appello Di Maio dal palco di Avellino, mostrando alla folla i dossier consegnati al candidato a sindaco penta stellato Vincenzo Ciampi. Con i lavoratori che da sotto il palco rammentavano più attenzione del governo centrale.

“Nelle vertenze – ha continuato Di Maio – che mi sono state consegnate ci sono tutte le sofferenze delle persone. Siamo tutti convinti di una cosa: fare il sindaco isolato dal resto delle istituzioni è difficile, ma qui abbiamo avuto sindaci che avevano dalla loro parte il governo centrale e non sono riusciti a fare nulla.

Perché li finivano a fare le guerre interne ai partiti e quindi anche se avevi un sindaco dello stesso partito del presidente di regione, siccome non si potevano vedere a pagarne il prezzo siete stati voi”.

Una chiara invettiva contro chi ha governato la città di Avellino negli anni passati, che hanno, secondo i penta stellati fatto cadere la città in degrado.

“Adesso abbiamo il Movimento 5 stelle al governo e vi daremo una mano a risolvere tutti i problemi che state vivendo”, queste le parole in conclusione di Luigi Di Maio.