Avellino disposta la chiusura di due locali in città



0
ipercoop

Secondo  la Prefettura di Avellino,  c’è “grave pericolo per l’ordine e la sicurezza pubblica”: così il Comune decide di chiudere i locali “IT’S OK”, “POMODORO” E IL PARCHEGGIO INTERRATO DELL’IPERCOOP

Il Dirigente al Patrimonio di Avellino, ha preso atto di una nota datata 18 novembre e nella giornata di lunedì 25 novembre ha deciso di revocare la SCIA (Segnalazione Certificata di Inizio Attività) e ordinare «la chiusura immediata» per le tre le attività.avellino

“Chiuso per guasto di impianto idrico”, “Chiuso per ferie” e “Parcheggio libero”. Posizionate  in bella vista le scritte davanti alle porte principali dei locali “It’s Ok” di Rione Aversa, “Pomodoro” di Via Due principati di Avellino, e all’ingresso del parcheggio interrato dell’Ipercoop di Via Pescatori.

In realtà il Comune di Avellino, preso atto di una nota della Prefettura. In cui si evidenzia un “grave pericolo per l’ordine e la sicurezza pubblica”. Ha revocato la SCIA (Segnalazione Certificata di Inizio Attività) e ha ordinato «la chiusura immediata» per tutte e tre le attività commerciali. La prima riconducibile alla famiglia Ciccone, le altre due alla famiglia Galluccio.

Le ordinanze sono datate lunedì 25 novembre. Poi sono state firmate dal Dirigente al Patrimonio. Michele Arvonio che, ha preso atto della disposizione, e non ha fatto altro che acquisire una nota della Prefettura di Avellino.

La Prefettura ha comunicato ai gestori la decisione prima che all’amministrazione comunale. Facendo specifico richiamo alle relazioni informative delle forze dell’ordine. Ieri sera i locali erano chiusi, come da diversi giorni non era più attivo il servizio di guardanieria a pagamento presso il supermercato dell’ex Ipercoop. Che ora è di gestione del Gruppo AZ Supermercati di Catanzaro,di via Pescatori. Il Gruppo AZ è ovviamente estraneo a tutta la vicenda. Infatti il Gruppi AZ aveva stipulato un regolare contratto di affitto. Con i nuovi provvedimenti dell’amministrazione comunale, gli stessi vengono a decadere, perché non vi sono più i presupposti per mantenere la formula contrattuale.

Leggi anche