Avellino donna investita in via Campane



0
Baronissi, Bonito

Avellino, ieri sera verso le  22, nella centralissima Via Campane, Avellino, una donna è stata investita mentre attraversava la strada

Alla base del violento impatto, probabilmente una distrazione della conducente dell’auto, stando a quanto si apprende una Dacia. Sul posto i sanitari del 118 e i Carabinieri del Comando di Avellino.

La vittima, una ragazza sui 30 anni, è stata vista riversa a terra proprio sotto l’auto tanto che gli operatori sanitari hanno riscontrato qualche difficoltà per liberarla.

irpinia - atripalda, Avellino, Sant'angelo dei lombardi

Il fenomeno degli investimenti di pedoni e degli incidenti, talvolta mortali, non accenna a diminuire.

Almeno tre feriti gravi nel giro di una settimana nel solo Capoluogo, senza contare gli incidenti  lungo l’Ofantina o i decessi avvenuti nei mesi scorsi.

dati Istat: nel 2018 533 incidenti stradali con 11 morti. In Campania, in generale, sono stati 9.721 gli incidenti stradali, di cui 206 mortali. Rispetto al 2017, diminuiscono gli incidenti (-2%) e il numero di vittime della strada (-14,9%) con riduzioni percentuali superiori a quelle rilevate nell’intero Paese (rispettivamente -1,4% e -1,3%); il numero di feriti si riduce (-0,9%), poco meno della media nazionale (-1,6%).

Secondo i dati ISTAT

Il maggior numero di incidenti si è registrato a Napoli: sono stati 5181 con 88 morti. Segue Salerno con 2467 incidenti di cui 42 morti. Caserta è terza per numero di incidenti stradali pari a 1294, ma seconda per numero di morti: sono stati 52. Sono stati 533 gli incidenti ad Avellino con 11 morti; 246 gli incidenti a Benevento. Nel 2018, l’incidenza degli utenti vulnerabili per età (bambini, giovani e anziani), morti in incidente stradale, in Campania è superiore alla media nazionale (46,1% contro 45,3%), ma in controtendenza la differenza piu’ ampia e’ fatta registrare dagli ultrasessantaquattrenni (Campania 24,7%, Italia 31,9%).

Guardando invece agli utenti vulnerabili, secondo il ruolo che hanno avuto nell’incidente (conducenti/passeggeri di veicoli a due ruote e pedoni), il loro peso relativo (sul totale dei deceduti) misurato nella regione è superiore nel 2018 a quello nazionale (53,9% contro 48,8%). Negli ultimi nove anni (2010-2018) l’incidenza di pedoni deceduti è cresciuta molto di più in Campania (da 12,2% a 19,4%) che nel resto del Paese (da 15,1% a 18,4%). Nel 2018 il maggior numero di incidenti (il 75,3% del totale) si è verificato sulle strade urbane, provocando 98 morti (47,6% del totale) e 10.678 feriti (72,9%). Rispetto all’anno precedente i sinistri diminuiscono del 2,6% in ambito urbano, dello 0,7% sulle autostrade e dello 0,2% sulle strade extraurbane. Gli incidenti più gravi continuano ad avvenire sulle strade extraurbane e sulle autostrade.

Piu’ della metà degli incidenti (55,1%) avviene lungo un rettilineo, sia sulle strade urbane sia su quelle extraurbane. In ambito urbano gli incidenti che si verificano in corrispondenza degli incroci rappresentano il 24% del totale, seguono quelli che avvengono nei pressi di una intersezione (9,4%) e in curva (7,9%). Lungo le strade extraurbane il 23,7% degli incidenti si verifica in curva, il 6,5% in corrispondenza di un incrocio. Nel periodo primaverile ed estivo la concentrazione degli incidenti è elevata, in coincidenza con la maggiore mobilita’ legata a periodi di vacanza. Tra maggio e settembre si contano 4.439 incidenti (il 45,7% di quelli avvenuti durante l’anno) in cui hanno subito lesioni 6.761 persone (46,2%) e 105 sono decedute (51%).

L’indice di mortalità raggiunge i valori più elevati nella fascia oraria tra le 2 e le 3 (7,4 morti ogni 100 incidenti), tra le 6 e le 7 (5,6) e tra le 22 e le 23 (5,7), con valori di molto superiori alla media giornaliera (2,1). La maggior parte degli incidenti stradali avviene tra due o più veicoli (73,5%); la tipologia di incidente piu’ diffusa è lo scontro frontale-laterale (3.255 casi, 51 vittime e 5.274 feriti), seguita dal tamponamento (1.733 casi, 18 decessi e 2.869 persone ferite). Nell’ambito dei comportamenti errati di guida, la guida distratta, la velocità troppo elevata e il mancato rispetto della distanza di sicurezza sono le prime tre cause di incidente. I tre gruppi costituiscono complessivamente circa il 39% dei casi. Il tasso di mortalita’ standardizzato è più alto per la classe di eta’ 15-29 anni (5,3 per 100mila abitanti).

Leggi anche: investita mentre attraversa strisce pedonali

Leggi anche