Il “Ritorno” di Felice Nittolo ad Avellino: doppia mostra retrospettiva



0
Felice Nittolo
Felice Nittolo (foto dal sito www.felicenittolo.it)

Doppia mostra retrospettiva per l’apprezzato artista irpino Felice Nittolo, nell’ambito del progetto intitolato “Ritorno”. Ad Avellino, dal 1 ottobre 2016 al 28 febbraio 2017, sarà possibile ammirare le sue opere al Museo Civico di Villa Amendola e al Conservatorio Cimarosa

Non ha mai dimenticato l’Irpinia Felice Nittolo, artista di fama internazionale, nativo di Capriglia Irpina e ravennate d’adozione. Il suo è, infatti, un gradito “Ritorno”, come espresso dal titolo del progetto che comprende due mostre retrospettive organizzate nel capoluogo irpino.

Felice NittoloLe esposizioni saranno ospitate, dal 1 ottobre 2016 al 28 febbraio 2017, rispettivamente, presso il Museo Civico di Villa Amendola e il Conservatorio di Musica “Domenico Cimarosa”.

La mostra di Villa Amendola, che sarà inaugurata domani alle 11:30, vedrà esposte opere in mosaico, grafiche e in vetro di Nittolo che si affiancheranno alla collezione permanente del Museo. In questo modo, la storia personale dell’artista si intreccerà con quella collettiva di Avellino, città dove Nittolo ha frequentato l’istituto Statale d’Arte “Paolo Anania de Luca”.

Felice Nittolo
Felice Nittolo (foto da www.felicenittolo.it)

Il vernissage presso il Conservatorio Cimarosa si terrà, invece, domani alle ore 17:00 e vedrà gli interventi del presidente dell’Istituto di Alta formazione musicale Luca Cipriano e del direttore de “Il Mattino” di Avellino Generoso Picone.

In questa seconda location sarà possibile ammirare diverse fotografie realizzate da Nittolo, scatti dedicati all’Irpinia impreziositi dal tocco dell’artista che conferisce loro l’originalità dell’opera d’arte.

A curare il progetto “Ritorno” sono lo stesso Generoso Picone e Paolo Sacchini. L’obiettivo è quello di presentare per la prima volta, nella sua terra d’origine, un’ampia e approfondita retrospettiva dell’opera, ormai quarantennale, di Felice Nittolo.

Quella dell’artista irpino è una produzione eterogenea che mantiene, però, una forte coerenza di fondo. Nittolo, considerato oggi uno dei maestri dell’arte del mosaico contemporaneo, utilizza e fa convivere diverse tecniche quali la pittura, la scultura, l’arte del vetro e della ceramica, la fotografia e l’installazione ambientale.

Leggi anche