Avellino, la Polizia denuncia e rintraccia gli autori di un furto presso la profumeria “Gardenia”

Avellino – Gli Agenti della Sezione Volanti della Questura di Avellino hanno denunciato in stato di libertà una 31enne incensurata ed un 28enne con a carico precedenti di Polizia, entrambi di Napoli ed ivi residenti, responsabili di furto aggravato.

I due malviventi si sono resi autori  di un furto avvenuto nella tarda notte di sabato scorso, presso la profumeria “Gardenia”, sita in Corso V. Emanuele, allorquando la 31enne, fungendo da palo, dava il via libera al proprio complice che aperta la porta di ingresso dell’esercizio commerciale con una chiave adulterina, si introduceva all’interno, per poi uscire dopo circa un minuto con il registratore di cassa tra le mani e darsi alla fuga presumibilmente a bordo di un auto parcheggiata nella vicinanze.

Avellino
Profumeria La Gardenia

All’identificazione degli autori del colpo si è giunti dopo aver visionato le immagini del sistema di video sorveglianza installato nei pressi della profumeria, che sebbene avesse evidenziato il modus operandi posto in essere dai due ladri, non forniva utili elementi  per il riconoscimento.

L’attività investigativa espletata nella circostanza, ha però consentito  di identificare con certezza i colpevoli, in quanto da un attento esame delle immagini dei veicoli controllati nel corso della serata, risultava fermata un auto con a bordo  due giovani che per aspetto e vestiario non lasciava alcun dubbio  circa la loro responsabilità sul furto compiuto.

La conferma definitiva del lavoro svolto dagli investigatori, trovava poi piena conferma attraverso le dichiarazioni rese dal gestore della profumeria, il quale asseriva che alcuni giorni prima aveva notato sia il ragazzo che la ragazza, aggirarsi all’interno del negozio in atteggiamento strano, in quanto dopo essersi aggirati  tra i vari espositori del negozio, presumibilmente non perché interessati agli articoli bensì per effettuare un sopralluogo, uscivano frettolosamente, senza aver comprato nulla. Rintracciati nel napoletano,  i due sono stati condotti in Questura e denunciati alla Procura della Repubblica di Avellino.