Avellino, giovedì la presentazione del libro di Antonio Sarubbi



0
avellino

Il testo del libro di Antonio Sarubbi è una fotografia di Napoli dal fascismo alla Repubblica e sarà presentato giovedì presso il Circolo della Stampa di Avellino

Giovedì 23 maggio, alle ore 16.30, presso il Circolo della Stampa di Avellino, si terrà la presentazione del volume di Antonio Sarubbi, Il salotto di Via Vittoria Colonna. Emilio Scaglione tra Giovanni Amendola e Giustino Fortunato (Napoli, Homo Scrivens, 2018).

Introdurrà il prof. Nunzio Cignarella, vice presidente del Centro Dorso. Ne discuteranno i giornalisti Ermanno Corsi e Vincenzo Curion e la prof.ssa Clementina Gily Reda, dell’Università di Napoli “Federico II”. Antonio Sarubbi sarà ricordato dalla scrittrice Rosalia Catapano.

SCHEDA LIBRO

La stesura del volume è stata completata da Antonio Sarubbi nel dicembre 2014. Il testo è una fotografia di Napoli dal fascismo alla Repubblica. Racconta degli anni di attivissimo impegno di Amendola nella concreta battaglia contro l’avvento della dittatura e dello sforzo verso l’Unione democratica nazionale per organizzare un vero e proprio partito dei ceti medi.Intime confidenze

L’AUTORE

Antonio Sarubbi (1933-2015) è stato professore di Storia delle dottrine politiche presso l’Università di Napoli “Federico II” e incaricato di Storia moderna nell’Università della Calabria; ha poi insegnato Storia delle istituzioni politiche e Sistema politico italiano. Fra le sue opere, Il Mondo di Amendola e Cianca e il crollo delle istituzioni liberali (1922-1926) e il Manuale di Storia delle dottrine politiche (Torino, Giappichelli, 1997, II ed.). Nel 1998, per Giappichelli, ha analizzato il pensiero politico dell’800-900 in Teorie politiche contemporanee e pubblicato il volume Compendio di Scienza della politica. Condirettore della rivista “Socialismo settanta”, è stato autore di numerosi saggi e articoli, alcuni contenuti negli “Atti dell’Accademia Pontaniana”, il suo ultimo lavoro inedito è Giustino Fortunato e le due Italie.

Leggi anche