Avellino, l’immigrazione e la cultura dell’integrazione



0
immigrazione

Un fenomeno assai diffuso in Irpinia negli ultimi tempi è l’immigrazione. Ospitalità, Tolleranza, Accoglienza devono essere i nuovi obiettivi

Quello dell’immigrazione è senza dubbio uno dei temi più scottanti. Negli ultimi anni si è assistito ad un forte aumento di questo fenomeno, in particolare  l’immigrazione clandestina, riconducibile a svariate ragioni, per lo più al differente  grado di benessere tra stati in via di sviluppo e stati sviluppati. Come sottolineano le vicende di cronaca e gli articoli di attualità, in Irpinia, questo fenomeno cresce sempre di più, spesso raggiungendo immigrazioneanche dimensioni emergenziali e causando, sfortunatamente. problemi di difficile soluzione.

Si sente ogni giorno di più l’eco di parole come Ospitalità,  Tolleranza, Accoglienza.  Laddove ospitalità significa il diritto di uno straniero, che arriva sul territorio altrui, di non essere trattato ostilmente. Un tema di cui si sente parlare molto, soprattutto nella nostra Irpinia. E sono esattamente questi i principali temi che interessano la Cgil di Avellino, temi  che ha portato sul tavolo di Palazzo di Governo, questa mattina alle ore 10 circa. Inail, Inps, Asl, Caritas e numerose associazioni irpine esperte della migrazione, riunite per affrontare quello che sta risultando essere negli ultimi tempi un vero e proprio problema dalle dimensioni sproporzionate.

Il Segretario Generale della Cgil, Franco Fiordellisi, intende concretizzare le azioni da avviare rispetto al diffuso e largo fenomeno. Quello che diventa necessario è riuscire ad integrare, un discorso che va certamente oltre la mera accoglienza. L’integrazione è un’operazione complessa, in cui vanno comprese le esigenze dell’altro, i suoi problemi, i suoi usi e costumi. La sua lingua. Il tutto racchiuso in una sorta di fascicolo che permetta l’integrazione dello straniero.

L’obiettivo, che deve essere comune a tutti secondo il segretario Cgil, è la cultura dell’integrazione, e dell’inserimento sociale.

 

Leggi anche